Indietro
menu
'Inutile clamore'

Feste per il Marocco e 'scimmie urlatrici'. Fiori si scusa ma ribadisce: non è un'offesa

In foto: un post incriminato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 12 dic 2022 12:52 ~ ultimo agg. 13 dic 10:13
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Scuse a chi si è sentito offeso per quella che, secondo l’autore, un’offesa non era. Il capogruppo della Lega a Santarcangelo Marco Fiori con un post interviene sule polemiche causate dai suoi commenti alle vittorie del Marocco dopo parlava di “scimmie urlatrici per strada” in merito ai festeggiamenti (vedi notizia). Il consigliere articola il suo pensiero ma non ritiene offensiva la frase scritta in più una occasione.

“Mi dispiace moltissimo per l’inutile clamore suscitato da un mio commento che, sbagliando, non credevo potesse essere considerato così offensivo. Sono rimasto colpito, in questi giorni, da certe manifestazioni anche di carattere violento capitate in città italiane e all’estero. La vandalizzazione di piazza Gae Aulenti a Milano, dopo la vittoria della squadra del Marocco, l’intervento delle forze dell’ordine, addirittura una persona che cercava di sedare una rissa accoltellata, hanno motivato il mio sconcerto e un’opinione critica su quanto avvenuto. Scimmia urlatrice non è di per sé un’offesa. Viene usata comunemente per definire persone urlanti che fanno casino. Mi scuso certamente se qualcuno si è sentito colpito ma la frase in sé non offende né va a intaccare alcuna sfera sensibile. Ribadisco le scuse sincere pur evidenziando che emerge ancora una volta una certa strumentalità unidirezionale di chi si attacca a frasi magari stupide ma del tutto innocue pur di farne un caso politico”.