Indietro
menu
Tutti i dettagli

Green Pass obbligatorio dal 6 agosto: ecco per quali attività

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 23 lug 2021 09:20 ~ ultimo agg. 24 lug 08:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’obbligo di Green pass scatterà per molte attività ed eventi a partire dal 6 agosto e sarà necessario per tutti gli under 12 (visto che ancora non è possibile vaccinare i giovanissimi). La decisione è stata ufficializzata ieri dal presidente del consiglio Mario Draghi (vedi notizia). La prossima settimana si affronteranno i temi relativi ai trasporti, alla scuola e al lavoro che sono rimasti esclusi dall’attuale decreto.

Ecco dove sarà obbligatorio il Green Pass dal 6 agosto

La Certificazione verde COVID-19 è richiesta in Italia per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”.

Dal 6 agosto servirà, inoltre, per accedere ai seguenti servizi e attività:

. servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso;
. spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
. piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
. sagre e fiere, convegni e congressi;
. centri termali, parchi tematici e di divertimento;
. centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione;
. attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
concorsi pubblici.
La Certificazione dovrà attestare di aver fatto almeno una dose di vaccino oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti oppure di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

La Certificazione verde COVID-19 si applica a tutte le attività e i servizi autorizzati in base al livello di rischio della zona. E’ richiesta in “zona bianca” ma anche nelle zone “gialla”, “arancione” e “rossa”, dove i servizi e le attività siano consentiti. Regioni e Province autonome possono prevedere altri utilizzi della Certificazione verde.

La Certificazione verde COVID-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Per queste persone verrà creata una Certificazione digitale dedicata. Finché questa non sarà disponibile, possono essere utilizzate quelle rilasciate in formato cartaceo.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.