Indietro
menu
La conferenza di Draghi

Discoteche restano chiuse. Green Pass per sedersi ai tavoli al chiuso

In foto: la conferenza di Draghi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 22 lug 2021 17:51 ~ ultimo agg. 23 lug 09:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non sono mancate le discussioni nel corso della cabina di regia chiamata a definire l’utilizzo del Green Pass e i nuovi criteri per il cambio di colore. “Non è un arbitrio – ha detto il presidente del consiglio Mario Draghi nella conferenza con il ministro Speranza – ma una condizione per mantenere le attività aperte. E’ una misura che dà serenità e non la toglie.” “L’ economia dell’Italia cresce – ha detto ancora – ma la variante Delta è una minaccia“. “Invito tutti gli italiani a vaccinarsi“.

La novità più importante riguarda le discoteche che resteranno chiuse. Niente riapertura, come invece si ipotizzava, con il Green Pass che sarà invece necessario a partire dal 6 agosto per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti. Non si dovrà usare invece per consumare al bancone. Il certificato sarà obbligatorio, sempre dal 6 agosto, anche per palestre, piscine, centri benessere e termali, cinema, teatri, sagre, mostre e musei, parchi divertimento e tematici, centri sociali e ricreativi, procedure concorsuali, sale giochi e casinò. Green Pass necessario anche negli stadi e ai concerti. La data del 6 agosto sarebbe stata scelta per dare il tempo agli operatori di adeguarsi alle nuove misure.

Decisa anche la proroga dello stato d’emergenza per il Covid fino al 31 dicembre 2021.

Per quanto riguarda i criteri per il cambio di colore: il passaggio tra la zona bianca e la zona gialla sarà stabilito dalla percentuale di occupazione dei posti letto disponibili che si aggiunge al criterio dell’incidenza che resta fissato in 50 casi ogni 100 mila abitanti. L’indicazione della cabina di regia è fissare il limite al 10% per le terapie intensive e al 15% per i reparti ordinari. Riempimento al 20% per terapie intensive e al 30% per le aree mediche invece per far scattare l’arancione e rispettivamente al 30 e al 40% per entrare in zona rossa.

 

Notizie correlate