Indietro
menu
Vagnini: orizzonte libero

Confesercenti boccia l'impianto eolico offshore

In foto: Fabrizio Vagnini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 15 lug 2020 19:05 ~ ultimo agg. 19:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Resta al centro del dibattito riminese il progetto dell’impianto eolico offshore dibattuto ieri anche in consiglio comunale a Rimini (vedi notizia). Una nuova bocciatura arriva da Fabrizio Vagnini, presidente provinciale di Confesercenti. Con il piano di salvaguardia della balneazione offriamo ai turisti e ai riminesi un mare pulito in cui tuffarsi. Con il parco del mare rinaturalizziamo il waterfront per passeggiare e fare sport tornando a vedere l’orizzonte del mare. Che cosa c’entrano in questa cartolina della città, su cui si stanno investendo milioni di euro, sessanta gigantesche pale eoliche su piloni da 125 metri? Che panorama offrirebbero?”, si chiede

Vagnini sottolinea come la riqualificazione del sistema turistico riminese segua una filosofia ben precisa. “Dopo gli anni del turismo di massa e della costruzione, dopo avere giustamente scommesso sulla destagionalizzazione investendo in infrastrutture, questo è il tempo della riqualificazione e della rigenerazione. Negli ultimi anni Rimini ha investito sull’ambiente: Psbo, parco del mare, viabilità sono gli elementi della nuova cartolina della nostra industria turistica”.

L’eolico offshore non rientra in questa cartolina, conclude Vagnini. “Più che mai in questo delicato momento di crisi, in cui è necessario sostenere la ripresa della nostra economia, non possiamo rovinare quanto fatto finora. I turisti che scelgono Rimini vogliono vedere il mare, un mare pulito con l’orizzonte libero. Non delle pale eoliche

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione