Indietro
menu
Presidenti nominati da Tosi

Elezioni annullate. La coalizione di centro sinistra: "siamo parte lesa"

In foto: la squadra di coalizione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 15 giu 2023 12:03 ~ ultimo agg. 18:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In attesa di capire se l’amministrazione Angelini resterà in carica in attesa del ricorso al Consiglio di Stato oppure sarà subito nominato un commissario prefettizio, continua a tenere banco dal sentenza del TAR che ha annullato le elezioni 2022 (vedi notizia). La coalizione di centro sinistra che ha sostenuto la sindaca Daniela Angelini dichiara che proprio la prima cittadina e la sua amministrazione sono vittime e parti lese delle irregolarità avvenute.

I riccionesi – si legge in una nota – dodici mesi fa si erano recati alle urne e avevano espresso – con oltre duemila voti in più (2.074) rispetto al centrodestra – una volontà chiara e determinata, ovvero quella di essere governati da Daniela Angelini e dalla coalizione sostenuta da Partito democratico, 2030, Riccione col Cuore, Riccione Coraggiosa, Uniamo Riccione e Movimento 5 Stelle“. “In questi dodici mesi la sindaca e la sua giunta prosegue la coalizione – hanno avviato il necessario percorso di riqualificazione e rilancio di Riccione, garantendo il ripristino della piena sicurezza che avevano annunciato ai riccionesi. L’annullamento delle elezioni costituisce un problema enorme per la città che si trova all’inizio di una stagione estiva e turistica che stenta a decollare e ha pienamente bisogno di continuità e certezza amministrativa. Riccione necessita di una amministrazione comunale in grado di affrontare nell’immediato i nodi di un congiuntura estremamente complicata e ancora di più ha l’esigenza di dare continuità alla rigenerazione strutturale di una città rimasta ferma per troppi anni e che, finalmente, vedeva a un orizzonte prossimo un nuovo viale Ceccarini, un nuovo porto, aree di confine riqualificate.” Il centro sinistra punta il dito sulla minoranza di centro destra la cui esultanza “ha il sapore cinico del disegno politico di chi scommette sulla rovina di Riccione, di chi antepone l’interesse miope e ottuso di parte a quello della città e del bene comune dei cittadini.” “I responsabili materiali degli errori che dovessero essere accertati con sentenza definitiva – continua la coalizione della Angelini – dovranno essere perseguiti dalla magistratura e non potranno rimanere impuniti, mentre i responsabili politici e morali di questa situazione sono già noti e sono loro. Sono quelli che hanno voluto mandare allo sbaraglio presidenti di seggio alla loro prima esperienza con l’idea perversa di poterli avere amici“. “La sindaca Daniela Angelini e la coalizione che la sostiene, lo ribadiamo, sono parte lesa di questa vicenda, insieme alla città tutta. Noi abbiamo partecipato a una competizione elettorale democratica – si legge – che è stata gestita dall’amministrazione precedente attraverso l’indicazione di nomina del presidenti di seggio: sono loro che hanno diretto e approvato le operazioni di voto con la collaborazione degli scrutatori e la supervisione dei rappresentanti di lista, oltre a controlli successivi e alla proclamazione degli eletti da parte delle autorità competenti. Sulla base della volontà espressa la sindaca e la giunta hanno lavorato nell’esclusivo interesse dei riccionesi”. “In attesa degli sviluppi delle prossime ore e di valutare come agire a tutela della città di Riccione in sede legale, la coalizione tutta si stringe attorno alla propria sindaca. Tuttavia, per noi i giudici migliori sono i cittadini, ai quali, se sarà necessario, chiederemo di confermarci il pieno mandato a governare la città. Senza paura e senza esitazione. Insieme a Daniela Angelini affronteremo anche questa prova con grande unità e determinazione” conclude la nota del centro sinistra.