Indietro
menu
Regolamentare professione

Guide turistiche. Il sen. Croatti (M5S) deposita disegno di legge

In foto: Marco Croatti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 2 gen 2023 15:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il senatore riminese del Movimento 5 Stelle Marco Croatti ha depositato un disegno di legge per disciplinare la professione di guida turistica. Il tema “è stato oggetto di numerosi tentativi di riforma – spiega –, anche a seguito degli interventi di recepimento delle disposizioni europee, che hanno generato caos e un’anarchia legislativa assoluta. Una riforma che oggi è essenziale per un Paese come l’Italia che vive di turismo e di cultura ma da anni attende una legge di riordino della professione. È dunque inderogabile l’intervento del legislatore, al fine di rendere chiara e univoca la normativa. Fondamentale per territori come quello riminese che continuano ad investire nel proprio importante patrimonio storico-culturale e devono contare su professionisti qualificati per valorizzarlo al meglio“.

Il ‘ddl Croatti’ si compone di 14 articoli con l’obiettivo di delineare la definizione e l’oggetto della professione di guida turistica, “come individuati nell’articolo 2, quale professionista abilitato e in possesso dei titoli idonei ad illustrare e interpretare, in modo non occasionale, i beni materiali e immateriali che costituiscono il patrimonio storico, culturale, religioso, architettonico, artistico, archeologico e monumentale italiano, in correlazione anche ai contesti demo-etno-antropologici, paesaggistici, produttivi ed enogastronomici che caratterizzano le specificità territoriali” spiega il senatore. Prevista anche “l’introduzione di un sistema finalizzato ad assicurare un’idonea formazione delle guide turistiche – prosegue – e a garantire i professionisti dall’esercizio abusivo della professione. L’esercizio della professione viene infatti subordinato al superamento di un esame di idoneità indetto con cadenza biennale dal Ministero del Turismo, ai sensi dell’articolo 6, ed alla conseguente iscrizione all’elenco nazionale delle guide turistiche disciplinato nel dettaglio dall’articolo 5“. L’articolo 7 prevede invece che le regioni possano organizzare corsi di formazione, a contenuto teorico e pratico e con una durata complessiva di 650 ore, da destinare alle guide turistiche iscritte all’elenco nazionale che intendano acquisire ulteriori specializzazioni tematiche o territoriali mentre l’8 “nasce dall’esigenza di rispondere alle difficoltà emerse in conseguenza dell’emergenza sanitaria ed economica causata dalla pandemia, e prevede la definizione di una specifica classificazione delle attività inerenti alla professione di guida turistica, come disciplinate dal presente disegno di legge, con contestuale attribuzione del relativo codice Ateco” precisa Croatti. L’articolo 9 attribuisce invece alle guide turistiche abilitate all’esercizio della professione il diritto all’ingresso gratuito in tutti i siti che costituiscono oggetto della professione mentre il 10 introduce il criterio della proporzionalità tra la qualità, la quantità della prestazione professionale e il compenso percepito per la stessa ai sensi dell’articolo 36 della Costituzione. Infine l’articolo 11 disciplina i divieti e le sanzioni in materia di esercizio abusivo della professione.

Altre notizie
di Stefano Rossini
VIDEO
di Serena Saporito
VIDEO
Meteo Rimini
booked.net