Indietro
menu
costi lievitati di 4 milioni

Costi lievitati. A Riccione possibili aumenti per tassa di soggiorno e Tari

In foto: assessori e sindaco
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mer 14 dic 2022 14:35 ~ ultimo agg. 15 dic 13:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un delicato equilibro tra investimenti per le grandi opere e costi che lievitano. L’amministrazione di Riccione ha presentato  in Commissione il bilancio di previsione per il 2023.

Gli investimenti programmati per il prossimo triennio ammontano a 81 milioni di euro di cui 24,7 da spendere già nel 2023. In evidenza i 5 milioni per la riqualificazione di viale Ceccarini, piazzale Roma e le aree limitrofe. Già nei primi mesi dell’anno si interverrà con un investimento di 300mila euro per sistemare la pavimentazione disastrata del salotto. Oltre un milione viene previsto per riqualificare già dal 2023 la zona del porto canale (l’intervento portante anche in questi casi avverrà negli anni successivi, sempre entro la legislatura), comprese anche le opere di dragaggio dei fondali (150mila euro). Per la viabilità: circa un milione è previsto per gli interventi di manutenzione ordinaria amministrazione mentre sono quasi due quelli destinati a Geat per la manutenzione straordinaria. Saranno realizzate le rotatorie tra via Frosinone-Statale (410mila euro, già in corso di realizzazione), via Abruzzi-Statale (250mila),

Per il recupero dell’ex mattatoio è prevista una spesa di un milione e mezzo per il 2023, mentre un milione e 300mila euro verranno destinati alla realizzazione del Museo del territorio all’interno dell’ex fornace. Altri trecentomila euro verranno impiegati per la manutenzione della rete fognaria bianca e dell’acquedotto, mentre ne serviranno 160 per il rifacimento, sempre della fognatura bianca, in viale Venezia.

Oltre un milione e quattrocentomila euro serviranno per cambiare il manto erboso e la pista di atletica dello stadio Italo Nicoletti (prevista inoltre la copertura della piastra polivalente per quasi 800mila euro) mentre allo Stadio del nuoto sono previsti interventi per due milioni (altri due l’anno successivo) al fine di migliorare e potenziare l’impianto (anche per abbattere radicalmente i consumi energetici).

Faremo ripartire le grandi opere per fare di Riccione una città più bella e più sostenibile. Serve un cambio di passo e lo compiremo perché Riccione non può fermarsi, ha la continua necessità di rilanciarsi, rendendosi sempre più attrattiva”, dice la sindaca Daniela Angelini. “Alcune grandi opere saranno strategiche anche in chiave turistica, penso a viale Ceccarini, piazzale Roma, tutta la zona del centro e l’area del porto. Ma è tutta la città di Riccione che ha bisogno di grandissima attenzione e cura: strade, marciapiedi, ripristino del decoro urbano e manutenzione del verde in ogni quartiere sono la nostra priorità”.

Sul fronte delle uscite si prevedono due milioni di euro di aumenti per le spese energetiche a carico del Comune e un quasi un milione di euro in più di spesa per il personale (900.000 la stima annua a seguito dell’entrata in vigore del nuovo contratto di lavoro), oltre a una uscita ulteriore di un milione e 400mila euro derivante dal Pef biennale (piano economico finanziario) di Hera, così come stabilito a fine 2021.

A fronte di questi incrementi di costi per oltre quattro milioni di euro, il Comune prevede un incremento nelle entrate tributarie di un milione e 200mila euro. Si prevede anche di aumenti per l’Imposta di soggiorno e Tari.

Il dialogo con l’associazione albergatori prosegue da settimane – spiega l’assessore al Bilancio Alessandro Nicolardi -. Stiamo cercando di rimodulare le tariffe con l’obiettivo chiaro che i maggiori fondi raccolti dai turisti, va precisato, non dai riccionesi, verranno di fatto restituiti agli ospiti della città, migliorandone i servizi, la qualità urbana, l’attrattività in generale. Sarà una sorta di patto con i turisti che troveranno una città più sicura, più pulita, più ecologica e in generale più bella”. L’amministrazione, in sede di ridefinizione delle tariffe, terrà conto anche dei maggiori flussi turistici di cui beneficiano case vacanze, campeggi e villaggi turistici.

Anche sulla Tari sono in fase di ridefinizione le tariffe – prosegue l’assessore –: gli uffici stanno facendo proiezioni per valutare al meglio l’eventuale impatto sulle famiglie. In questo caso agiremo comunque ampliando il regime delle esenzioni al fine di tutelare i nuclei maggiormente fragili”.

Non verranno, invece, toccate le tariffe per asili e mense. “Cercheremo inoltre di ampliare gli aiuti a favore delle famiglie che si trovano maggiormente in difficoltà – spiega la vicesindaca Sandra Villa -. Inizieremo il 2023 con gli interventi di messa in sicurezza di nidi e asili, compiendo una immediata valutazione dell’esistente per poi intervenire, negli anni successivi, con corposi interventi di riqualificazione. Inoltre, insieme all’assessorato all’Ambiente, svilupperemo la cosiddetta outdoor education, andando a riprogrammare l’attività nei giardini delle scuole. Sempre in campo educativo, vogliamo sviluppare progetti per sostenere i giovani che sono quelli che più di altri hanno pagato carissima la pandemia. Dobbiamo comprendere e prevenire il disagio che ne deriva”.

Quanto alla Cultura, aggiunge Sandra Villa: “La nostra città ha un grande bisogno di spazi. La richiesta, è sintomo di una grande vivacità culturale: dovremo dare risposta alle associazioni e agli enti culturali nonché sostenere una programmazione corposa e di qualità come Riccione Teatro, i vari Premi, l’Albe e le grandi mostre”.

Per ottimizzare le spese, l’amministrazione ha pianificato un programma di spending review con l’obiettivo di recuperare circa un milione e duecentomila euro con risparmi che potranno riguardare il personale (100mila euro), la polizia locale, la cultura e il turismo (per oltre  300mila ognuno), lo sport (130mila) e le spese di segreteria (39mila). Sul fronte della sicurezza c’è un rilancio: saranno infatti assunti dieci nuovi agenti, anche al fine di potenziare il turno notturno.

La sicurezza rappresenta un bene pubblico – ha spiegato l’assessore alla Polizia locale Oreste Capocasa -. Dovremo investire non solo in termini tecnologici, come ad esempio aggiornando o potenziando la videosorveglianza, ma anche facendo attenzione ai fenomeni di degrado urbano. Gli investimenti sul personale, una decina di agenti, sono finalizzati anche a potenziare il turno di notte, sollevando, ad esempio, i carabinieri dal compito dei rilievi sugli incidenti stradali, lasciandoli più liberi nel controllo della città”. L’assessore Capocasa intende inoltre rendere più sicura la circolazione stradale, “prevenendo in particolare i fenomeni della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Anche per garantire questi servizi dovremo investire in termini di uomini e mezzi”.

 

L’anno 2023 sarà anche quello in cui l’amministrazione comunale di Riccione tenterà di dare finalmente avvio alle comunità energetiche. “Saremo di sostegno ai privati – spiega l’assessore all’Ambiente Christian Andruccioli perché crediamo fortemente nelle comunità energetiche. Inoltre, è nostra intenzione elaborare un piano che stabilisca con chiarezza il fabbisogno energetico della città al fine di farne conseguire delle politiche energetiche coerenti e utili e non dei semplici interventi spot”. L’assessorato all’Ambiente prevede inoltre un corposo investimento per l’analisi del rischio del patrimonio arboreo oltre al censimento di tutto il verde pubblico. Quanto allo sviluppo urbanistico, sempre Andruccioli spiega che l’amministrazione comunale riccionese “punterà in particolare sul riuso degli immobili non più impiegati, a partire dal recupero delle vecchie colonie marine, soprattutto nell’area del Marano, lavorando in sinergia con il Comune di Rimini”.