Indietro
menu
L'allarme dell'associazione

Fusione Banca Valconca-Blu Banca: Federcons. preoccupata per azionisti

In foto: Graziano Urbinati, presidente Federconsumatori
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 24 ott 2022 12:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Col via libera della Banca d’Italia, è arrivata una accelerazione alla fusione prevista tra Banca Popolare Valconca e Blu Banca con l’assemblea dei soci prevista il 20 novembre. Federconsumatori Rimini è però preoccupata per il futuro degli azionistiche rischiano di ritrovarsi in Blu Banca, depauperati, come già malauguratamente accaduto con Banca Carim“. “Da quanto apprendiamo – si legge in una nota dell’associazione – la fusione prevede una operazione di contro cambio. I termini dell’offerta prevedono l’emissione da parte di Blu Banca di 37.501 azioni ordinarie da assegnare ai soci della Banca Popolare Valconca. Ogni socio avrà un azione ordinaria Blu Banca di nuova emissione per ogni 282 azioni ordinarie“. Federconsumatori ricorda che “il sistema bancario del nostro territorio è stato rivoluzionato con operazioni di fusioni e acquisizioni, così come a livello nazionale, in cui il controllo dei nostri principali istituti bancari sta passando progressivamente in mani estere” e, prosegue l’associazione “questi profondi cambiamenti sono stati pagati a caro prezzo dai risparmiatori, spesso pensionati che avevano investito i loro risparmi o il TFR frutto di una vita di lavoro.
Federconsumatori Rimini è a disposizione con i propri esperti: Segreteria tel. 0541. 779989 cell. 380.3876127 dal Lunedi al Venerdi dalle 9.00 alle 12.30, mail – segreteria@federconsumatoririmini.it