Indietro
menu
Risorse regionali

Promozione aree commerciali. I 14 progetti candidati dalla provincia

In foto: Riziero Santi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 4 ago 2022 18:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Provincia ha selezionato e presentato in Regione i progetti del territorio sulla promozione e valorizzazione delle aree commerciali. L’obiettivo è quello rivitalizzare il tessuto economico locale, favorendo l’attrattività e la competitività delle aree a vocazione commerciale. Complessivamente sono 14 i progetti presentati. Selezionati dalla provincia nell’ambito “promozione e marketing” i quelli presentati dal Comune di San Giovanni in Marignano, capofila di un raggruppamento di 11 Comuni, basato su una comunicazione mirata ed efficace per collegare l’offerta commerciale e quella turistica delle aree interne e della costa (spesa prevista 80 mila euro) e dal Comune di Santarcangelo, centrato sulla rivitalizzazione delle attività commerciali del territorio e dei piccoli agglomerati commerciali nelle frazioni, attraverso un calendario di iniziative che si snoda lungo tutto l’arco dell’anno (spesa prevista 80 mila euro). Selezionati invece sul fronte della riqualificazione delle aree commerciali e mercatali, i progetti del Comune di Sant’Agata Feltria, “Fiere in sicurezza” (spesa prevista 110 mila euro) e del Comune di Cattolica per i lavori di completamento dell’arredo urbano e artistico di viale Dante (spesa prevista 250 mila euro). I contributi regionali possono arrivare a coprire fino all’80% della spesa. “Le candidature della Provincia – dichiara il presidente Riziero Santisono state individuate basandosi su elementi di valutazione quali la qualità progettuale, il principio di rotazione, la popolazione residente, l’entità della spesa di progetto ed infine considerando il criterio di equilibrio territoriale. Il commercio, nelle forme tradizionali, da anni vive una situazione critica, legata a diversi fattori, a partire dalla concorrenza della grande distribuzione a quella sempre più forte del commercio online che la pandemia ha consolidato. L’intreccio tra l’evoluzione di commercio, turismo, artigianato di servizio e vita cittadina è sempre più evidente e richiede una programmazione unitaria e condivisa.