Indietro
menu
Elezioni Riccione

Caldari: nei primi 100 giorni un bonus per l'acquisto di bici

In foto: Stefano Caldari
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 4 giu 2022 13:15 ~ ultimo agg. 14:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un bonus per l’acquisto di bici in modo da incentivare a Riccione la mobilità dolce. A proporlo, parlando di un fondo da 200.000 euro, è il candidato civico del centrodestra Stefano Caldari. “Sono un ciclista e quindi sono di parte – ammette –, ma penso che la bicicletta sia uno modo alla portata di tutti per spostarsi comodamente e senza inquinare, per tenersi in forma a tutte le età e per esplorare il nostro meraviglioso territorio. Abbiamo deciso di  incoraggiare grandi e piccoli a sfruttare questa opportunità di condividere anche momenti divertenti con i propri cari e i propri amici, o magari con altri appassionati attraverso un bonus bici con una dotazione di 200.000 euro che si tradurrà in un contributo sull’acquisto. Questa misura verrà stanziata nei primi 100 giorni del mio mandato, in modo da poter sfruttare le bellissime giornate estive e autunnali”. “Vogliamo una Riccione accogliente – prosegue Caldari – capace di offrire attività e svago tutto l’anno. La mobilità dolce rientra in quest’ottica ma va molto oltre perché guarda anche alla salvaguardia dell’ambiente e del nostro paesaggio bellissimo”. Nel programma della coalizione ci sono anche altri punti a favore dello sviluppo dell’uso delle biciclette come il completamento dell’anello delle piste ciclabili per raggiungere l’obiettivo di rendere la città completamente attraversabile dalla mobilità lenta senza soluzioni di continuità; la rifunzionalizzazione della ex-Polveriera a parco pubblico attrezzato che includerà tra le altre cose anche piste per mountain bike e la ciclopedonale sul Marano. “Anche questo rientra nella nuova stagione dell’urbanistica di Riccione – aggiunge Caldari –. Finita l’epoca dell’espansione territoriale, è ormai iniziata l’era della rigenerazione urbana che comporta il ritorno al disegno della ‘forma’ della città e dei quartieri, verso una Riccione Città Arcipelago, dove i quartieri sono immersi in un mare di verde e collegati da una rete sempre più fitta di piste ciclabili ed arterie urbane percorribili e sicure