Indietro
menu
16 anni di abbandono

Caldari: all'ex Mattatoio spazi per il sociale e Istituto Musicale

In foto: Stefano Caldari
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 23 mag 2022 14:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Riportare alla vita un luogo abbandonato da oltre 16 anni e dare una risposta forte ad esigenze sociali e di socializzazione a quanti soffrono un disagio legato all’handicap, offrire un punto di aggregazione per i giovani, una nuova sede per l’Istituto Musicale di Riccione, creare una possibilità di impiego qualificato e di indotto per la città”. Stefano Caldari, assessore al Turismo del comune di Riccione e candidato sindaco civico del centro destra sostiene con forza il progetto di “riqualificazione dell’area dell’Ex Mattatoio comunale in viale Bergamo”, che vedrà un investimento complessivo di otto milioni e 100 mila euro e che vedrà non solo la creazione di spazi polifunzionali, i primi a divenire disponibili per i cittadini,  ma anche di residenze e aree verdi esterne pensate per favorire l’incontro, senza barriere architettoniche. Le residenze potranno ospitare a rotazione secondo l’esigenza formativa 22 persone, 75 i laboratori, 8 nella direzione, 115 all’Istituto Musicale, 98 auditorium, 276 persone all’arena esterna e 40 in mensa.

Sono già stati ottenuti 5 milioni di euro dai fondi del PNRR per la realizzazione del progetto, a breve inizieranno le demolizioni per l’avvio dei lavori che avverrà nel 2023 e conclusione nel 2026, date obbligatorie per usufruire dei fondi del PNRR.

Un progetto che è nato dall’ascolto delle persone fragili e delle loro famiglie e che vuole rassicurare quanti si preoccupano per i loro cari: non resteranno soli. Nel giro di poco più di tre anni, l’Ex Mattatoio sarà in grado di ospitare residenze dove insegnare ai giovani ad essere indipendenti e la pratica nei laboratori per i ragazzi sarà come andare a bottega dove apprendere un mestiere e l’autonomia gestionaleaggiunge Caldari.