Indietro
menu
Programmare eventi in anticipo

Angelini sul turismo: dobbiamo diventare la città dell'ospitalità

In foto: (Ph @ Giorgio Salvatori)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 mag 2022 15:57 ~ ultimo agg. 29 mag 09:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le previsioni per la stagione in arrivo sono molto buone. Questa notizia è confortante. Tra gli operatori che hanno molto sofferto in questi anni c’è ottimismo e questo è positivo” – ha detto Daniela Angelini, candidata sindaco per Riccione, commentando i dati emersi dall’Osservatorio di Federalberghi Riccione – Ora, con la ripresa è importante anche sognare e progettare la Riccione del futuro, per fare sempre meglio”.

Ho un sogno: Riccione deve tornare ad essere la città che tutti conoscevano e amavano. Voglio una Riccione attrattiva per i nostri turisti. E per farlo dobbiamo offrire la qualità. Che tradotto significa qualità dei servizi, delle nostre strutture e della nostra offerta complessiva. Abbiamo la fortuna di avere un territorio bellissimo che potrà offrire tutto questo se messo a sistema con i comuni che ne fanno parte“.

E ancora: “Abbiamo tutte le carte per diventare la Città dell’Ospitalità per Eccellenza in Italia. Ne siamo capaci, sui servizi non ci batte nessuno. Le migliori professionalità le abbiamo noi, e se lavoriamo su una offerta di qualità non rischiamo di perderle. E solo grazie a queste professionalità si può aumentare gli standard offerti. Ho la fortuna di avere nella mia squadra competenze molto provenienti dal territorio: esperti di marketing territoriale, albergatori e membri del direttivo di Federalberghi. Questo ci permette di fare tesoro delle professionalità che abbiamo Riccione“.

Un settore, quello del turismo che Daniela Angelini conosce molto bene e che in questa campagna elettorale ha voluto incontrare più volte per ascoltare e condividere sogni e idee.

Riccione come destinazione Top Quality della Costa Adriatica. È questa la mia idea. Non deve accadere quello che è avvenuto negli ultimi anni, che dal posizionamento “Top Premium” conquistato a fatica nei decenni trascorsi rischiamo di diventare una destinazione di massa senza qualità. Con orgoglio dico: noi siamo Riccione. E arrivare a Riccione significa: “entrare in un bel mondo. Grazie alla qualità della vita, al bello e alla sostenibilità ambientale. La bellezza, in tutte le sue forme, dalla cura del verde, alla riqualificazione degli spazi comuni alla sicurezza saranno la cifra per riportare Riccione in vetta alle preferenze turistiche di qualità in Italia”.

Ormai Riccione vive due stagioni. Ecco perché vogliamo far vivere Riccione anche d’inverno. L’obiettivo principale sono i 2 turismi e per questo pianificheremo come vero e proprio indotto annuale. Torneremo ad investire nella promozione turistica internazionale attraverso la DMO (Destination Management Organization) che sarà la nuova cabina di regia strutturata e sviluppata in condivisione con gli operatori “uniti”. Il prodotto “Natale” con gli eventi sarà arricchito e promosso. Vogliamo programmare per tempo gli eventi per avere modo di promuoverli. Utilizzeremo tutte le maggiori piattaforme social. Per raggiungere i clienti futuri di Riccione è infatti indispensabile pensare a forme di promozione turistica digitale