Indietro
menu
Riccione, incontro con ex questore

Angelini: problema baby gang va affrontato, più sicurezza subito

In foto: Daniela Angelini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 24 mag 2022 17:13
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La candidata sindaca di Riccione del centrosinistra, Daniela Angelini, torna sul tema sicurezza dopo i recenti episodi. “L’incredibile aggressione dell’altra sera da parte di una baby gang con le maschere da clown – dice – è l’ennesima prova di questa deriva che dobbiamo trovare il modo di fermare. Sicurezza e degrado sono diventati un problema serio per Riccione. Non capisco perché con quello che è successo non si voglia immediatamente correre ai ripari”. “Leggendo la cronaca – prosegue – sembra di leggere la sceneggiatura di un film: un commando formato da 30 giovani che aggredisce dei ragazzini per pochi spiccioli con indosso delle maschere in una zona centrale della città: io sono molto preoccupata e al tempo stesso determinata a voler porre fine a questa palese mancanza amministrativa. Cose da non credere, comprendo la rabbia della mamma del ragazzino aggredito. Riccione deve cambiare passo e mettere in atto subito azioni di prevenzione a questi fatti. Cosa stiamo aspettando?

La Angelini evidenzia che “sono mesi che diciamo che il problema delle baby-gang deve essere affrontato. Non è possibile che ci siano bande di giovani che imperversano nella nostra città e l’amministrazione non abbia pensato a misure di sicurezza. Per me il quadro è davvero preoccupante e non è la prima volta che lo dico“.

Per la candidata serve una presa di coscienza seria e serve investire energie e risorse. “Non ci deve essere l’effetto sorpresa – aggiunge -. È fondamentale prevenire le aggressioni. Lo stiamo dicendo da mesi. È un fenomeno che deve essere affrontato. Non è colpa di nessuno, ma chi gestisce la sicurezza in questa città deve prendersi la responsabilità di quello che sta succedendo. Non sono fatti che avvengono in periferia, ma nel centro della nostra città. Sono persone che vengono da fuori città? Allora servono con urgenza presidi nei luoghi caldi e controlli alla Stazione“.

Nessuno ha la bacchetta magica – continua la candidata –, ma non si può stare a guardare senza fare niente. Ripeto: è successo in Piazzale Roma, non in periferia. È a rischio anche la nostra immagine turistica. Bisogna attrezzarsi con interventi immediati: chiediamo subito di aumentare i presidi delle forze dell’ordine. Sappiamo che quelle che ci sono stanno facendo il massimo. Fondamentale quindi attivare un tavolo con le categorie economiche e aumentare il numero delle risorse umane della Polizia Locale durante il periodo estivo. Chiedere a gran voce più forze dell’ordine a livello nazionale e creare insieme agli operatori dei presidi civici. Ma parallelamente serve una presa di coscienza da parte della città che deve investire energie e risorse. Ci sono bandi e accordi di programma in Regione che sostengono i Comuni su queste politiche, ma a Riccione negli ultimi anni non sono stati richiesti e credo si possano vedere i risultati. Questa estate vanno attivate azioni di controllo con progetti di sicurezza urbana per il contrasto al degrado e alla microcriminalità. Potenziare la vigilanza in zone centrali anche con l’utilizzo dello Street Tutor“.

Su questo tema il 4 giugno Daniela Angelini ha organizzato un incontro pubblico con l’ex Questore di Rimini Oreste Capocasa. “Ho raccolto la disponibilità del dottor Capocasa – conclude – a ragionare su come affrontare il tema sicurezza. Io voglio andare oltre ai proclami e agli slogan da campagna elettorale, ma entrare nelle questioni con proposte concrete e fattibili. Questo tema è troppo importante per la città. Mettiamoci tutti intorno ad un tavolo e discutiamo di soluzioni”.