Indietro
menu
la sentenza

Tentarono di investire un 25enne, poi la coltellata quasi mortale: condannati padre e figlio

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 22 mar 2022 20:00 ~ ultimo agg. 23 mar 11:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tentarono di investirlo con l’auto colpendolo solo di striscio, poi padre e figlio scesero dalla loro Polo e iniziarono un feroce pestaggio. Quando la vittima, un 25enne marocchino residente a Montescudo Montecolombo, reagì, il padre impugnò un coltello da cucina gli sferrò un colpo profondo all’addome che gli provocò l’eviscerazione di una parte dell’intestino. Il tentato omicidio appena descritto si consumò nel cuore di Coriano, vicino alla Chiesa degli Orfani, la sera del 19 settembre del 2020 davanti a numerosi testimoni.

Oggi il gup del tribunale di Rimini, Benedetta Vitolo, con rito abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo della pena), ha condannato a 8 anni di reclusione per tentato omicidio pluriaggravato in concorso Gaetano Antonini e a 5 anni e 4 mesi il figlio Francesco. Il sostituto procuratore Davide Ercolani, titolare dell’indagine, aveva chiesto per gli imputati pene più severe, rispettivamente a 12 e 8 anni, contestando anche l’aggravante dei futili motivi. Questa mattina il pm ha mostrato in aula, a titolo esplicativo, un coltello dalla lama di 10 centimetri simile a quello utilizzato da Gaetano Antonini al momento della brutale aggressione. Un fendente all’addome ritenuto potenzialmente mortale. Il 25enne magrebino deve la vita alla bravura dei medici dell’ospedale Bufalini di Cesena, che quella notte lo sottoposero a un delicato intervento chirurgico.

Sarebbe stato un debito di droga il movente del tentato omicidio, secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Riccione, che si occuparono delle indagini. Padre e figlio, originari pugliesi, di 47 e 23 anni, difesi dall’avvocato Massimiliano Orrù, sono stati incastrati dal racconto di alcuni testimoni oltre che dalle risultanze degli accertamenti tecnici effettuati su alcune tracce ematiche riconducibili all’aggressione, avvenuta in due fasi.

Gli Antonini hanno respinto fino all’ultimo la ricostruzione dell’accusa fornendo una loro versione dei fatti. Sarebbe stato il giovane magrebino ad essersi presentato sotto casa loro, ubriaco, per minacciarli e insultarli. Fu lui – hanno sostenuto padre e figlio – ad assumere per primo un atteggiamento aggressivo che li costrinse a difendersi. Il fendente, infatti, sarebbe stato scagliato al culmine della colluttazione come estremo tentativo di difesa.