Indietro
menu
varato nel 2016

Chioschi in spiaggia. Tar respinge il ricorso contro il nuovo regolamento comunale

In foto: Renata Tosi, sindaco di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 25 gen 2022 18:05 ~ ultimo agg. 26 gen 07:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stata depositata oggi la sentenza del Tar che, respingendo il ricorso, mette la parola fine alla controversia innescata da alcuni titolari di attività economiche sulla spiaggia di Riccione contro il regolamento introdotto dall’amministrazione comunale nel 2016.  La novità più importante introdotta dal regolamento riguardava la possibilità di stipulare accordi tra bagnini e titolari di bar-ristoranti sulla spiaggia sia per la consegna diretta di alimenti e bevande ai clienti in spiaggia, ma anche per una gestione integrata dei chioschi.  Il nuovo regolamento prevede, nel caso in cui gli operatori siano titolari della concessione di bar-ristorante e di stabilimento balneare ovvero vi sia l’accordo suddetto oppure vi sia una società di gestione, l’opportunità per lo stabilimento balneare di chiedere la concessione per realizzare un chiosco.

Nella sentenza – fa sapere il comune -, il Tar oltre a respingere l’impugnazione del regolamento, ha estromesso la stessa Associazione Bar e Ristoranti per “carenza di legittimazione attiva – si legge – perché non perseguirebbe un interesse omogeneo della categoria visto che, per fatto notorio, alcuni degli associati hanno da tempo avviato attività di chioschi ai sensi del regolamento comunale“.

Nel 2016 abbiamo dato il via ad una piccola rivoluzione sulla spiaggia – ha dichiarato il sindaco di Riccione, Renata Tosi – . Il rilancio della città e della nostra economia passa attraverso le nuove opportunità che si aprono per chi fa impresa. Sono quindi contenta che anche il Tar abbia riconosciuto oggi la bontà del nostro lavoro”.

Con il nuovo Regolamento, che l’amministrazione Tosi, ha fatto bene ad introdurre – ha detto il presidente della Coop. Bagnini Diego Casadeiin spiaggia si lavora meglio. Il turismo balneare per essere competitivo, oggi ancora di più, deve andare incontro alle esigenze dell’utenza, del turista europeo e italiano, che vuole vivere la spiaggia a 360 gradi, come un luogo dove trovare tutto quello che si può desiderare in una vacanza. Ecco allora che la possibilità di offrire più servizi, di diventare una spiaggia sempre più attrezzata per meglio accogliere i nostri turisti è stata una opportunità di crescita per tutta la città“.