Indietro
menu
Serve approccio risoluto

Zoccarato (Lega) su via Verenin: sicurezza era problema noto, autovelox non basta

In foto: via Verenin @newsrimini)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 2 dic 2021 16:20 ~ ultimo agg. 16:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Continua il dibattito sui problemi di sicurezza di via Verenin a Viserbella dopo la tragica morte della 18enne Farah Sfar Hancha, Per il consigliere comunale della lega Matteo Zoccarato, una tragedia che “riaccende i riflettori su una delle arterie a scorrimento veloce più pericolose e discusse di tutta Rimini”.
“Gli incidenti – premette Zoccarato – sono il frutto di atteggiamenti superficiali e disattenzioni e l’effetto, a volte inevitabile, del mancato rispetto delle norme del codice della strada; ma le caratteristiche e la segnaletica delle nostre infrastrutture possono fare la differenza nell’esito di situazioni incidentali come quella verificatasi nei giorni scorsi a Viserbella. Via Grazia Verenin, per la sua conformazione, è una strada a scorrimento veloce dove la sola installazione di un autovelox risulta insufficiente per scoraggiare comportamenti imprudenti. Ci spiace dover tornare su questo argomento all’indomani di un evento così drammatico. Già nel 2015 la Lega, interpellata da numerosi residenti, aveva sollevato la pericolosità di questa strada, mettendone in evidenza le deficienze strutturali e la carenza di segnaletica dissuasiva”.

Lungo questa arteria, prosegue Zoccarato, “è indispensabile procedere con la realizzazione di dossi e/o di una rotatoria nei pressi dell’intersezione con Via Lotti, dove giornalmente svoltano numerosi automezzi e dove si registra un’alta densità abitativa. Per non parlare della cosiddetta pista ciclopedonale, che altro non è che una striscia gialla pennellata a terra, utilizzata quotidianamente da decine di famiglie e giovani riminesi per raggiungere la strada statale e prendere l’autobus. Le situazioni di pericolo sono dunque evidenti e meriterebbero, da parte di chi amministra questa città, un approccio risolutivo immediato, a tutela della pubblica incolumità. L’auspicio è che la giunta Sadegholvaad intervenga laddove per cinque anni non è intervenuta la giunta Gnassi e che lo faccia non per soddisfare una richiesta della Lega, ma per tentare di evitare tragedie come questa”.

“Ai genitori e alla famiglia di Farah Sfar Hancha” – conclude il consigliere – “va la nostra più sentita vicinanza e il nostro più sincero cordoglio.”

Notizie correlate
di Redazione