Indietro
menu
Intervento da 6,6 milioni

Ok a convenzione con Acer per i 36 alloggi nell’area ex Questura

In foto: l'area della "ex questura"
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 9 dic 2021 13:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Giunta Comunale di Rimini ha approvato lo schema di convenzione con Acer per il Programma Integrato di Edilizia Residenziale Sociale riguardante la riqualificazione di una parte dell’area ex Dama – Nuova Questura. Il progetto, che ha ottenuto un contributo di 5,5 milioni dalla Regione Emilia Romagna su un investimento complessivo di 6,6 milioni, prevede la realizzazione di 36 alloggi di edilizia residenziale pubblica su una superficie utile di 2.265 metri quadrati che si sviluppa tra le vie Pascoli – Ugo Bassi – IX Febbraio 1849 e Flaminia. Si tratta di 24 alloggi a canone sociale e 12 a canone calmierato dotati di caratteristiche di alta sostenibilità, efficienza energetica, massima accessibilità e sicurezza. Oltre alle opere di urbanizzazione collegate alla realizzazione degli alloggi, il progetto comprende anche interventi di riqualificazione lungo l’asse di Via Arnaldo da Brescia, a servizio dei residenti della zona.

La rigenerazione complessiva dell’area sarà al centro di un percorso partecipato coordinato dall’Agenzia del Piano strategico: gli esiti serviranno a fornire indicazioni e suggerimenti per la definizione progettuale dell’intervento, che sarà affidata a seguito di un concorso bandito con la collaborazione dell’Ordine degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della Provincia di Rimini. L’intervento è già stato inserito nel piano degli investimenti previsti nel bilancio e prevede a carico di Comune e Acer la copertura del 20% dell’investimento complessivo (1,1 milioni di euro).

Si tratta di una risposta alle esigenze abitative della città – è il commento dell’assessora alla pianificazione del territorio Roberta Frisoniche sarà portata avanti con un percorso partecipato e con la predisposizione di un concorso di progettazione in collaborazione con l’ordine degli architetti, cui va il ringraziamento dell’amministrazione per la disponibilità mostrata ad accompagnare questo intervento”.