Indietro
menu
Il plauso di Morrone e Raffaelli

'Cerca e cavatura del tartufo' nel patrimonio Unesco. C'è anche la provincia di Rimini

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 16 dic 2021 17:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La provincia di Rimini è compresa tra le aree che riguardano la ‘cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali’ dichiarata Patrimonio culturale e immateriale dell’Umanità durante l’odierna sessione del Comitato Unesco.

L’iter per il riconoscimento della pratica della ‘Cerca e cavatura del tartufo in Italia’ era stato avviato dall’istanza delle associazioni dei tartufai ai ministeri della Cultura e dell’Agricoltura otto anni fa. A marzo 2020 c’era stata la presentazione dalla Farnesina della candidatura illustrata dalla sottosegretaria alla Cultura Borgonzoni.

Dai parlamentati della Lega Jacopo Morrone ed Elena Raffaelli un ringraziamento “a tutti coloro che hanno partecipato al percorso di candidatura, coordinato dall’ufficio Unesco del ministero della Cultura, e in particolare il sottosegretario Lucia Borgonzoni che ha fortemente caldeggiato il riconoscimento (il settantaduesimo per l’Italia) a questa attività che si collega alle nostre più antiche tradizioni”.