Indietro
menu
Chiarimenti ad Agcom

Voto e polemiche. Lisi: perchè Morolli e Bellini a inaugurazione Belluzzi-da Vinci?

In foto: Gloria Lisi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 27 set 2021 19:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Inaugurazione con polemiche elettorali per la sala cinema dell’Istituto Tecnico Tecnologico Statale Belluzzi Da Vinci di Rimini (vedi notizia). A sollevare le perplessità della candidata sindaca Gloria Lisi è stata la presenza di Chiara Bellini, candidata vicesindaca del centrosinistra in tandem con Jamil Sadegholvaad, e dell’Assessore alla scuola Mattia Morolli, candidato nella lista del PD. “Mancavano solo le bandiere del Pd – scrive la Lisi –, gli striscioni e qualche volantino pubblicitario per far sì che una iniziativa istituzionale, svoltosi tra l’altro in un istituto scolastico, diventasse una kermesse elettorale. In piena violazione del divieto per gli amministratori pubblici e dei candidati alle elezioni di svolgere attività istituzionali in periodo di convocazione dei comizi elettorali, come stabilito all’articolo 9 della legge 28/2000“. La candidata sindaca annuncia una richiesta di chiarimenti all’AgComsulla presenza dell’Assessore Morolli e della vicesindaca “nominata” a questo incontro istituzionale, al fine di evitare che si continui a fare campagna elettorale in maniera inappropriata e a spese di tutti i cittadini“. Ma non sarà l’unico aspetto da chiarire perché la Lisi chiama in causa anche “la scorretta abitudine di vedere i camion vela o manifesti o gigantografie dello stesso candidato sindaco del PD, Jamil Sadegholvaad e di alcuni sui candidati consiglieri, piazzati in punti strategici, in una rotatoria, in doppia fila o in generale in punti di grande visibilità della città“. “Con questa campagna elettorale irrispettosa da tutti i punti di vista il Pd si sta demolendo da solo, certamente consigliato da qualcuno che è vecchio, molto vecchio. Poi non dite che è colpa nostra se si recideranno i legami di 72 anni di PCI e suoi derivati” conclude Gloria Lisi.

Notizie correlate