Indietro
menu
L'intervento di Marco Tonti

Tra i candidati con Ceccarelli donna a giudizio per omofobia. Arcigay solleva il caso

In foto: Marco Tonti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 24 set 2021 17:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tra i candidati di una delle liste a sostegno di Enzo Ceccarelli c’è una donna rinviata a giudizio per omofobia e stalking. A sollevare la questione è il presidente di Arcigay Rimini, Marco Tonti (capolista di Rimini Coraggiosa) che ripercorre la vicenda: “Il caso risale ad alcuni anni fa, per un anno e mezzo ogni volta che usciva di casa un ragazzo veniva stalkerizzato con insulti omofobici dal vicino di casa e dalla figlia, ad alta voce in modo da essere uditi distintamente da tutto il vicinato. Dopo aver sporto querela ci sono stati i rinvii a giudizio per stalking e razzismo omofobico. Tra le parti civili ammesse anche Arcigay Rimini oltre che le vittime“.

“Vero è – sottolinea Tonti – che un processo non è una condanna ma tra le prove depositate ci sono video e registrazioni assolutamente inequivocabili. Il candidato sindaco della destra era al corrente di questo fatto? Come intende regolarsi, chiederà all’imputata di fare un passo indietro o ne difenderà il comportamento? E come intende regolarsi per il futuro? Rimini deve essere una città che condanna l’omofobia sempre e senza esitazioni, sia nelle forme aggressive come questa che nelle forme quotidiane sotterranee e striscianti. Non è più l’epoca delle mezze parole, le prese di posizione siano chiare e precise”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO