Indietro
menu
soccorsa da due militari

Riversa nelle acque del porto canale di Rimini, donna in fin di vita

In foto: i carabinieri nel punto dove è stata ritrovata la donna
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 18 set 2021 12:53 ~ ultimo agg. 19 set 10:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Era riversa nelle acque del porto canale, a pochi passi dal ponte di Tiberio. Una donna, della quale non si conoscono al momento le generalità, presumibilmente sopra la settantina, dai lineamenti caucasici, è ricoverata all’ospedale Infermi di Rimini in Rianimazione. Questa mattina, alle 9.30 circa, la pattuglia della Stazione carabinieri di Rimini-Porto l’ha soccorsa estraendola dall’acqua per poi consegnarla al personale del 118.

I militari, mentre erano in servizio di controllo del territorio in via Bastioni settentrionali, sono stati fermati da una ragazza che chiedeva il loro aiuto: “C’è un corpo in acqua, correte!”, e indicava il punto esatto dove si trovava la donna.

Senza indugio, i due carabinieri si sono precipitati sulla sponda dove il corpo della donna era prono con il viso completamente in acqua. Con rapidità sono riusciti, non senza fatica, a recuperarla e a trascinarla sulla banchina. Il battito era scarso, così in attesa dell’arrivo dell’arrivo dell’ambulanza le hanno effettuato le prime pratiche rianimatorie per cercare di farle espellere l’acqua ingoiata. I sanitari del 118, resisi conto della gravità della situazione, hanno trasferito d’urgenza all’Infermi la donna, rimasta sempre incosciente. Ora è sottoposta a ventilazione forzata, le sue condizioni vengono definite molto gravi.

Con sé non aveva documenti, la sua identificazione quindi è ancora al vaglio dei carabinieri. La dinamica di quanto accaduto è in fase di ricostruzione. Due le ipotesi: il gesto volontario o la caduta accidentale. Esclusa la mano di terzi. Due testimoni, infatti, hanno dichiarato di aver visto la donna camminare sulla banchina da sola. Poi, dopo qualche minuto, si sono accorti che c’era un corpo che galleggiava in acqua. Con sé la donna avrebbe avuto una borsa, finita sott’acqua. Difficilmente verrà recuperata a causa della scarsa visibilità in quel punto e del fondale melmoso.

Notizie correlate
di Redazione