Indietro
menu
Da circolare ministeriale

Contagio dopo la prima dose: i chiarimenti su come completare il ciclo

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 10 set 2021 15:45 ~ ultimo agg. 11 set 14:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una circolare emessa dal ministero della Salute e che sarà oggetto di comunicazione alle Ausl da parte della Direzione dell’assessorato regionale fornisce ulteriori chiarimenti nel caso dei vaccini a due dosi: in particolare, come occorra comportarsi per la seconda somministrazione nel caso in cui una persona contragga l’infezione da SARS-CoV-2 dopo che le è stata somministrata la prima.

In base alle indicazioni ministeriali, in caso di infezione da SARS-CoV-2 confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose, il completamento del ciclo vaccinale con una seconda dose va effettuato entro sei mesi (180 giorni) dall’infezione documentata (data del primo test molecolare positivo).  Trascorso quest’arco di tempo, il ciclo vaccinale potrà essere comunque completato, il prima possibile, con la sola seconda dose. In questo caso, in Romagna, i cittadini che devono effettuare la seconda dose potranno farlo presentandosi liberamente presso un qualsiasi centro vaccinale dell’Ausl, senza necessità di prenotarsi.

Nel caso in cui l’infezione da SARS-CoV-2 sia invece confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la schedula vaccinale si intende completata: l’infezione stessa, infatti, è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose. Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

Nella circolare viene ribadito che l’esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, non è indicata ai fini del processo decisionale vaccinale.

Notizie correlate