Indietro
menu
Pasti ed educazione alimentare

Al via il servizio nelle mense scolastiche bellariesi con il nuovo affidamento

In foto: la sede Gemos
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 27 set 2021 10:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
La procedura telematica aperta condotta dall’Amministrazione Comunale di Bellaria Igea Marina durante l’estate si è conclusa individuando nella ditta Gemos il partner per erogare il servizio di mense scolastiche: cooperativa specializzata nella ristorazione collettiva con sede a Faenza, Gemos proseguirà quindi il rapporto con Bellaria Igea Marina occupandosi del servizio di refezione scolastica per le scuole primarie e materne per l’anno scolastico in corso e per i due successivi – sino al 2024 quindi – con possibilità di rinnovo per ulteriori due anni.
Il nuovo affidamento avrà decorrenza dalle prossime settimane, con servizio pasti garantito già da tutto settembre in regime transitorio, e con la refezione scolastica al via oggi, lunedì 27 settembre, come richiesto dagli istituti comprensivi.
Sulla base dell’affidamento – spiega l’Amministrazione Comunale – il gestore si impegnerà in un imponente ventaglio di interventi nei plessi scolastici, attività di sensibilizzazione e di informazione, sviluppo degli strumenti digitali al servizio di una corretta alimentazione e tanto altro. Tutte proposte, aspetti e interventi espresse formulati dall’Amministrazione Comunale in sede di gara, che hanno trovato pieno adempimento nella proposta progettuale vincitrice. Oltre ovviamente, alla produzione dei pasti: calcolati in più di 100.000 annui, andranno a coprire anche i pasti che l’Ente comunale distribuisce attraverso i Servizi Sociali ad anziani e persone non autosufficienti. Il valore complessivo del nuovo affidamento è di quasi 5 milioni di euro.
Il fronte che attiene al miglioramento delle strutture scolastiche sarà a carico del gestore del servizio: l’organizzazione degli spazi, i mobili e le forniture delle aree mensa di otto distinti plessi, ma anche gli spazi esterni adibiti al gioco: con nuove altalene, casette multi gioco, capanne di legno, scivoli e reti per praticare lo sport in arrivo sia nelle scuole d’infanzia sia nelle primarie. A questo si aggiunge l’ampio intervento di sistemazione delle aree adibite allo sport presso la scuola secondaria di primo grado di via Zeno.
Diverse anche le attività divulgative e volte alla sensibilizzazione verso corretti comportamenti alimentari. Tra queste, la messa a disposizione di un portale dedicato all’informazione, tramite la piattaforma RistoCLOUD, che consentirà ai genitori, ad esempio, di prendere visione dei menu giornalieri e dei piatti, selezionando da remoto quelli che consumeranno i propri figli. Piattaforma che si affianca all’app gratuita “APP School Food”, che accompagna e supporta l’utente alla scoperta dei cibi, degli ingredienti e della loro tracciabilità. In programma, anche attività di educazione alimentare in senso stretto. In questo caso, spiccano gli spettacoli teatrali e due animazioni alimentari annue – una per la scuola d’infanzia e una per la scuola primaria – condotte dall’agronomo Daniele De Leo, specializzato nella divulgazione alimentare rivolta ai bambini, attraverso il divertimento e l’animazione.
Saranno avviati progetti specifici di prevenzione e contrasto allo spreco alimentare – dando la possibilità agli alunni, ad esempio, di portare a casa pane e frutta non consumati – , con una particolare cura dei menu: che in alcune circostanze saranno “a tema” e saranno speciali per ricorrenze e festività come Carnevale, Natale e Pasqua, con una giornata all’anno completamente “gluten free” e attività di educazione alimentare rivolte agli adulti presso il Centro per le Famiglie. Gemos si impegnerà, ultimo aspetto ma non per importanza, a fornire gratuitamente alle mense scolastiche stoviglie in plastica dura alimentare lavabile e le posate in acciaio necessarie.
Come impegno economico a sostegno delle famiglie, l’Amministrazione si farà carico dei costi aggiuntivi determinati dalla rimodulazione delle tariffe – a sua volta legata al nuovo affidamento – sino alla fine dell’anno solare 2021.