Indietro
menu
l'addio al sindaco cerbara

Sant'Agata si è fermata per l'ultimo saluto a "Mino"

In foto: il funerale del sindaco al campo sportivo del paese
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 4 ago 2021 19:38 ~ ultimo agg. 5 ago 14:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un’intero paese questa mattina si è fermato per l’ultimo saluto al suo sindaco. Circa un migliaio di persone ha partecipato al funerale di Guglielmino Cerbara, per tutti “Mino”, primo cittadino di Sant’Agata Feltria, scomparso prematuramente a 59 anni dopo una malattia.

Il feretro è stato accompagnato da un lungo corteo di cittadini e amministratori dalla Sala del consiglio comunale fino al campo sportivo del paese, dove il vescovo di San Marino e Montefeltro, Andrea Turazzi, ha celebrato i funerali. Il vicesindaco Franco Vicini ha ricordato la grande forza che Cerbara era solito mettere nell’affrontare le dure sfide della vita e il suo essere un grande uomo prima che un grande sindaco.

Il presidente della Provincia, Riziero Santi, lo ha elevato a sindaco eroe: “So che mi diresti di non esagerare perché sei modesto e umile, con i piedi per terra. Invece no, non esagero. Tu sei stato grande perché non lo si è soltanto con iniziative eclatanti, né perché si ha visibilità mediatica, ma perché quando si svolge un servizio per la propria comunità, quando si è riconosciuti così, da tutti, allora significa essere speciali. Siamo qui con le nostre fasce, a salutare e a stringerci attorno ai tuoi cari, oltre che attorno alla tua comunità dicendole che seguiremo il tuo esempio, per quanto possibile e per quanto ne saremo capaci, senza abbandonarla”.

Il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, ha invece sottolineato la tenacia ma anche l’umiltà dimostrata negli anni da Cerbara: “Il suo era uno sguardo di terra, campi e pietre, dove andava ad accudire gli animal, per poi venire in provincia a cercare il sale, qualche piccolo finanziamento per non spopolare queste terre e farle sentire radici e comunità”.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.