Indietro
menu
Due bande fermate

Furti e rapine a Riccione. Denunciati gruppi di giovanissimi

In foto: i carabinieri impegnati nei controlli (repertorio)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 18 lug 2021 13:10 ~ ultimo agg. 19 lug 13:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella tarda serata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. di Riccione hanno posto fine alle azioni criminose di alcuni turisti marchigiani. Intorno alle 18 sono arrivate al numero di emergenza 112 numerose segnalazioni di un nutrito gruppo di giovani nordafricani intenti a seminare il panico tra i coetanei in zona Palacongressi. Arrivati sul posto, i militari hanno individuato e identificato i ragazzi: tutti tra i 16 e i 17 anni, eccetto un neo maggiorenne, provenienti da Ancona e dintorni, italiani di seconda generazione. Portati in caserma per un controllo più minuzioso, i carabinieri hanno trovato nelle loro tasche e negli zaini telefoni cellulari e portafogli sottratti poco prima (sotto minaccia di aggressione) ad un gruppo di giovani turisti dal modenese. Sulla base degli indizi raccolti, in tre sono stati deferiti per il reato di rapina mentre per tutto il gruppo è scattata la denuncia per furto aggravato in concorso. La refurtiva è stata restituita. I carabinieri proseguono però le indagini per accertare le eventuali responsabilità dei ragazzi per altri episodi di aggressioni fisiche verificatesi nella stessa zona, sempre nei confronti di giovanissimi turisti, poco prima dell’arrivo dei militari.

Ma a finire sui verbali dei carabinieri sono stati anche altri quattro giovanissimi nordafricani provenienti dal bolognese, di cui due neo maggiorenni, un diciassettenne e un quindicenne. La banda, nella notte di venerdì in piazzale Roma, con un piccolo coltellino aveva rapinato due 17enni turisti provenienti da Perugia. In questo caso, la richiesta di aiuto da parte delle vittime al 112 e la descrizione fornita ai carabinieri, si sono rivelate fondamentali. Addosso ai ragazzi sono stati trovati sia il coltellino che la refurtiva, riconsegnata ai due turisti. Ma non solo: nello zaino di uno dei fermati è stato recuperato un cellullare che i carabinieri hanno poi accertato essere stato sottratto nel corso della stessa sera ad un riccionese.
Anche in questo caso, il gruppetto è stato deferito all’Autorità giudiziaria competente per i reati di rapina e furto in concorso.