Indietro
menu
"basta effimero usa e getta"

Notte Rosa. Riccione Civica: in città la "solita minestra riscaldata"

In foto: Elia Campagna di Riccione Civica
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 18 giu 2021 14:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il programma riccionese per la settimana rosa in programma dal 26 luglio al primo agosto non convince Riccione Civica. Mentre i comuni calano i loro assi, “Riccione cosa farà questa volta? – si chiede Elia Campagna – Cosa si inventerà quest’anno la Tosi per intralciare il “Sistema Territorio”? Cosa farà per minimizzare l’impatto degli investimenti? Per ora la solita minestra riscaldata da Linus è la sola certezza.” Secondo Riccione Civica “il Rosa, dovrebbe tornare a connotare marcatamente le location della “Pink Week”: Gli Alberghi, i locali, i ristoranti i Bar di Riccione così come la pubblica illuminazione dei principali assi commerciali di Riccione ed ogni operatore dovrebbe avere un proprio prodotto rosa da offrire“. “Poi tanta “bella musica” – prosegue – in un centro città dedicato ai LIVE di qualità, dove la contaminazione con la classica, il jazz e passando magari per lo swing ed il ballo possono diventare un’esperienza unica. Apriamo alle collaborazioni con istituti come il Conservatorio di Pesaro e le scuole di Danza. Un palinsesto intenso e magari anche internazionale, una vera e propria “Opera teatrale” a cielo aperto, torniamo allo stile, aiutiamo i nostri operatori ad avere un pubblico adeguato ad un’offerta commerciale di maggiore livello in “tutti i sensi”.” “Troppi “veleni” – conclude la nota – hanno inquinato le anime dei riccionesi, voltiamo pagina e facciamolo tornado a puntare su una proposta culturale intensa. Basta con l’effimero usa e getta, anche la Notte Rosa può e deve cambiare, sfruttiamo ogni opportunità.

Notizie correlate