Indietro
menu
Di famiglia romagnola

Giovanni Molari è il nuovo Rettore dell'Alma Mater

In foto: Giovanni Molari
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 30 giu 2021 19:19 ~ ultimo agg. 1 lug 08:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Giovanni Molari, 47 anni è stato eletto rettore dell’Università di Bologna. Molari ha vinto il ballottaggio con Giusella Dolores Finocchiaro per 1.825 voti a 1.274. Nato a Bologna da famiglia romagnola, docente di Meccanica agraria, è direttore del Dipartimento di scienze e tecnologie agro-alimentari dal 2018,

L’affluenza al voto ponderata è stata del 89,59%, di cui 2.738 docenti e ricercatori votanti (pari al 94,09% del corrispondente elettorato; -0,69% rispetto alla medesima rilevazione del 23 giugno, primo turno); 2.020 personale tecnico amministrativo, collaboratori linguistici e lettori votanti (pari al 68,92% del corrispondente elettorato; -4,30% rispetto alla medesima rilevazione del 23 giugno, primo turno); 255 studenti elettori votanti (pari al 73,49% del corrispondente elettorato; -0,29% rispetto alla medesima rilevazione del 23 giugno, primo turno).

Giovanni Molari ha conseguito il titolo di dottore di Ricerca in Ingegneria dei Materiali presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’abilitazione alla professione di Ingegnere nel Dicembre 1998 e la laurea in Ingegneria Meccanica presso l’Università di Bologna nell’ottobre 1998, ricercatore dal 2000 al 2010 e professore associato dal 2010 al 2016. Dal 2016 è professore ordinario di Meccanica Agraria dell’Università di Bologna.

Nella attività di ricerca si è prevalentemente occupato di studiare i problemi connessi al progetto e alla verifica dell’affidabilità di trattrici agricole con particolare riferimento ai test accelerati per la verifica strutturale della macchina e della trasmissione. Si è anche occupato di macchine per la zootecnia, dell’uso di biomasse per produrre energia e di altre macchine agricole.

È stato coordinatore locale di due progetti PRIN e di un FIRB ed è responsabile scientifico di numerose convenzioni di ricerca con aziende costruttrici di trattori e di macchine operatrici. È autore di 140 pubblicazioni di cui 40 su riviste censite da Scopus. È stato direttore del Journal of Agricultural Engineering dal 2014 al 2018, è stato responsabile della redazione dal 2006 al 2014. E’ editor di uno special issue per il Biosystems Engineering. Revisore per numerose riviste del settore dell’ingegneria agraria.

Dal maggio 2018 è Direttore del nuovo Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari e membro del Senato Accademico dell’Università di Bologna. Dal 2015 al 2018 è stato vicedirettore del Dipartimento di scienze e tecnologie agro-alimentari dell’Università di Bologna.

(fonte Unibo Magazine)

Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore regionale all’Università, Paola Salomoni, si congratulano: “Giovanni Molari è un uomo di scienza, capace di costruire un importante percorso accademico all’interno degli Atenei dell’Emilia-Romagna: a lui vanno i più sinceri complimenti per l’elezione a Magnifico Rettore dell’Università di Bologna e gli auguri di buon lavoro”.

“L’Alma Mater è una eccellenza dell’Italia e del mondo, il fiore all’occhiello di un sistema regionale che dialoga con il mondo delle imprese e che ha messo la ricerca, la formazione e le competenze al centro del proprio futuro, a partire dal nuovo Patto per il Lavoro e per il Clima- proseguono Bonaccini e Salomoni-. Siamo sempre a disposizione del mondo dell’Università e siamo certi che anche con il professor Molari ci sarà modo di collaborare per garantire da una parte il pieno diritto allo studio agli studenti, dall’altra opportunità di ricerca sempre più avanzate al mondo accademico”.

“Le nostre congratulazioni vanno anche alla professoressa Giusella Finocchiaro, che ha raccolto consensi importanti in tutto l’ambito accademico. E che continua a essere una risorsa importante per l’Alma Mater e per tutta l’Emilia-Romagna. Vogliamo infine ringraziare di cuore il rettore Francesco Ubertini, che rimane comunque in carica nei prossimi mesi, col quale in questi anni abbiamo condiviso tanti progetti e iniziative, con sempre l’obiettivo condiviso di rendere accessibili saperi e conoscenze, per i giovani e l’intero sistema regionale”.