Indietro
menu
parcheggi e sicurezza

Via Marecchiese e Ina Casa. Zeinta di Borg raccoglie problemi commercianti

In foto: il punto in questione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
ven 23 apr 2021 14:13
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Problemi di parcheggio e di sicurezza della ciclabile. Sono quelli lamentati dai commercianti che hanno le loro attività in zona Ina Casa e lungo la via Marecchiese, messi insieme attorno ad un tavolo (virtuale) dall’associazione Zeinta di Borg. In diversi incontro l’associazione sta ascoltando gli imprenditori per poi portare le problematiche all’attenzione dei futuri candidati sindaco di Rimini.

Su via Marecchiese, nel tratto subito dopo l’incrocio con via Valturio al posto dei parcheggi è stata realizzata una pista ciclopedonale che pare sia poco utilizzata e pericolosa. “Le attività – sintetizza in una nota Zeinta di Borg – non hanno la possibilità di far sostare i clienti nel tempo degli acquisti. Neanche nelle strade limitrofe, come via Raganella, ci sono possibilità di parcheggio. La ciclabile è stata strutturata in modo che chi va in bici abbia la precedenza sulle auto che provengono dalle vie che sboccano sulla Marecchiese e gli automobilisti spesso non frenano o non vedono i ciclisti. Il risultato sono gravi incidenti, ma niente di concreto è stato fatto per risolvere il problema”.

Spostandosi di qualche centinaio di metri, sempre su via Marecchiese i problemi cambiano. Dopo l’incrocio con via Caduti di Marzabottole attività hanno qualche parcheggio in più ma chiedono di accorciare la sosta da 30 a 10 minuti per aumentare la clientela shop&go. In questa zona si nota che la ciclabile viene usata solo da monte verso mare e quindi chi scende va ad una velocità esagerata, spesso con bici elettriche“.

Nel quartiere Ina Casai parcheggi ci sono, ma sono rimaste invece poche attività, la nuova rotonda di Largo Bordoni e le telecamere (ottenute anche grazie alla proposte di Zeinta di Borg) hanno reso la zona più sicura ma i pochi bar hanno chiuso non ci sono più luoghi di aggregazione e manca il ricambio generazionale“.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO