Indietro
menu
Parlare di derby non serve

Aeroporti. Confindustria Romagna: pianificazioni, non polemiche

In foto: Paolo Maggioli, pres. Confindustria Romagna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 7 apr 2021 17:44 ~ ultimo agg. 19:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Confinudustria Romagna interviene nel dibattito sulla convivenza, per molti concorrenza, dei due aeroporti di Rimini e Forlì. In questo momento complesso occorre una programmazione mirata al rilancio, spiega l’associazione industriale: occorre agire con spirito di gruppo senza perdersi in infruttuose polemiche.


L’intervento di Confindustria Romagna:

Inutile ripeterselo, sappiamo bene tutti che il difficile momento che stiamo vivendo è senza precedenti. Ma non dobbiamo lasciare che questo diventi un alibi che frena la programmazione indirizzata al rilancio.

Nonostante ci siano ancora settori in difficoltà, come ad esempio fashion, turismo e commercio, che hanno bisogno di interventi diretti e di azioni concrete nell’immediato, il tessuto imprenditoriale del manifatturiero continua ad essere attivo e dinamico. Abbiamo comparti, dalla meccanica alla chimica, dall’ICT all’industria del legno e all’agroalimentare per citarne alcuni, che in questi primi mesi dell’anno stanno registrando performance positive. Un segnale che se unito all’auspicabile rimbalzo in avanti della campagna di vaccinazione, ci fa sperare di avere per l’estate percentuali di crescita decisive per la ripartenza. Dobbiamo crederci.

Ecco perché in un momento come questo, occorre valutare attentamente tutte le opportunità di sviluppo e di crescita economica ed imprenditoriale per il nostro territorio ed agire in spirito di gruppo.  In questo senso parlare di derby fra gli aeroporti di Rimini e Forlì non serve a nessuno, anzi rappresenta solo un grande rischio di indebolimento per tutta la Romagna e per la regione. I due scali giocano un ruolo fondamentale nel movimento di merci e di persone, sia in ambito vacanze sia nei viaggi per affari. Sono gestiti da due gruppi imprenditoriali seri che hanno deciso di investire per la crescita ed il bene dell’economia del nostro territorio. Quindi non dobbiamo perderci in inutili particolarismi e sprecare tempo prezioso in polemiche.

Un ragionamento che auspichiamo venga applicato non solo agli scali aeroportuali, ma a tutto ciò che serve alla Romagna per essere un’area strategica sotto tanti punti di vista affinché nella ripresa della post pandemia possiamo diventare sempre più attrattivi e competitivi.