Indietro
menu
Nell'ambito del PNRR

Raffaelli (Lega): bene il via libera a maggiori risorse a contrasto di dissesto e erosione

In foto: lavori sull'arenile di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 26 mar 2021 17:06 ~ ultimo agg. 18:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La parlamentare riccionese della Lega Elena Raffaelli esprime soddisfazione per il via libera alla proposta che prevede più risorse per contrastare il dissesto idrogeologico e l’erosione della costa, proposta della Lega accolta nel parere al Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) da parte della commissione Ambiente della Camera.

“Il tema del contrasto all’erosione entra dunque a pieno titolo nel Piano di investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea nell’ambito del Next Generation EU. Un tema che, ad avviso della Lega, deve essere assolutamente prioritario e sul quale servono risorse finalizzate a interventi per la difesa delle coste italiane soggette a processi erosivi inarrestabili: un pericolo grave per l’economia di tante località turistiche che proprio sulla sabbia hanno costruito negli anni la loro fama dando lavoro e prosperità ai territori”.
“Abbiamo ottenuto di integrare il documento incrementando le risorse della linea progettuale ‘Interventi sul dissesto idrogeologico’. A questo fine – spiega la Raffaelli le Regioni o soggetti da loro delegati pottanno redigere e attuare un programma di salvaguardia delle coste dall’erosione e di riduzione delle cause che generano i fenomeni erosivi, di protezione e valorizzazione dei litorali sabbiosi del territorio nazionale, di mitigazione dei fenomeni dell’intrusione dell’acqua marina nell’acqua di sottosuolo, negli estuari e nei sistemi fluviali e lagunari”.
“Si tratta di un primo passo importante perché testimonia finalmente l’acquisita consapevolezza dell’importanza di investire e dedicare risorse alla difesa strutturale dei litorali finanziando nuove forme sperimentali di difesa molto più durature dei maxiripascimenti o delle ormai obsolete barriere soffolte in sacchi”.