Indietro
menu
Uso improprio dei cestini

Abbandono incontrollato di rifiuti, prime sanzioni per le fototrappole a Cattolica

In foto: rifiuti abbandonati
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 6 mar 2021 15:01 ~ ultimo agg. 15:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Entrato in funzione nella seconda metà dello scorso gennaio, a Cattolica il sistema delle “fototrappole” inizia a dare primi risultati sia a livello sanzionatorio che come deterrente. Sono stati una decina i verbali emessi dalla Polizia Municipale per violazioni ai regolamenti comunali, abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo pubblico e tutela del Decoro Urbano. Diversi gli episodi che si sono registrati nei pressi di via Rudi. Le multe, va ricordato, che possono ammontare da 104 a 300 euro.

Sono tre le fototrappole digitali che il Comune di Cattolica ha predisposto per la prevenzione ed il controllo del fenomeno dell’abbandono in strada dei rifiuti. Dopo un periodo di test e sperimentazione i tecnici di Palazzo Mancini hano trovato la giusta collocazione e l’angolo di inquadratura ottimale. Gli impianti “ruoteranno” duranno l’arco dell’anno su sei postazioni in vari punti della città. Verranno utilizzate di volta in volta nei quartieri, dove si registrano le criticità più frequenti. Il nuovo “Regolamento per la disciplina delle fototrappole per il contrasto dell’abbandono e lo smaltimento dei rifiuti nel territorio comunale” è stato approvato in Consiglio Comunale lo scorso luglio.

Purtroppo sono ancora diverse le segnalazioni e le immagini che arrivano per denunciare trasgressioni. Sacchetti lasciati a fianco dei cestini, l’abbandono di rifiuti ai bordi della strada. “Non sempre è semplice risalire ai responsabili di queste violazioni – spiegano dalla Polizia Municipale – se non con indagini sulla tipologia di rifiuti da svolgere con operatori addetti alla raccolta. Stiamo svolgendo controlli incrociati tra le utenze di Hera in merito alla “tariffa puntuale avente natura corrispettiva” da un lato, e dall’altro fabbricati, negozi ed attività economiche. Questo per accertare che tutti i cittadini siano in possesso delle dotazioni necessarie per smaltire correttamente i rifiuti”.

“Con l’approssimarsi della bella stagione – sottolinea l’Assessore al Decoro urbano Nicoletta Olivieri – serve ancor di più un particolare monitoraggio per le vie e gli angoli della nostra città. La Polizia Municipale, inoltre, dedicherà la dovuta attenzione alle attività stagionali o sospese ed ai locali commerciali sfitti o momentaneamente non utilizzati. Confidiamo nel buon senso di tutti affinché le strade della nostra città possa possano presentarsi sempre con il dovuto decoro. Il rispetto verso il nostro prossimo e l’ambiente è una forma di gentilezza”. In città, per rispondere alle richieste pervenute, sono stati implementati nei mesi scorsi numerosi nuovi cestini ma questo ha anche creato, purtroppo, un aumento dell’uso improprio degli stessi.

“Non vorremmo tornare indietro sui nostri passi – aggiunge a questo proposito l’Assessore all’Ambiente Lucio Filippini – e dover eliminare nuovamente alcuni cestini. Quanto prima affiancheremo ai nostri vigili urbani una task-force formata da addetti di Hera e guardie zoofile. Ma d’altro canto, non possiamo e non vogliamo immaginare esclusivamente forme di repressione, ma intendiamo coinvolgere ancor di più sul tema i singoli cittadini, i comitati di quartiere, affinché si registrino sempre meno episodi di questo genere. Sensibilizzare la comunità a comportamenti virtuosi deve essere il nostro primo obiettivo”.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.