Indietro
menu
sequestrati droga e soldi

Spaccio fuori dalla piscina di Novafeltria, 38enne arrestato dai carabinieri

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 23 feb 2021 14:05 ~ ultimo agg. 15:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il parcheggio vicino alla piscina di Novafeltria era diventato teatro di spaccio. Ad accorgersene alcuni residenti della zona, che nell’ultimo periodo avevano notato uno strano viavai di persone, molte delle quali giovani, soprattutto di sera. Gente che arrivava in auto o a piedi, si appartava e dopo qualche secondo se ne andava.

I carabinieri, guidati dal comandante Carmelo Carraffa, hanno approfondito le segnalazioni ricevute e organizzato mirati appostamenti. Ieri, certi di avere in trappola il pusher, sono entrati in azione. Prima hanno documentato una cessione, poi una pattuglia ha seguito la vettura del presunto acquirente che si allontanava. Il mezzo, una volta fermato, è stato perquisito e i carabinieri hanno sorpreso il guidatore con addosso alcune dosi di cocaina e marijuana appena acquistate.

A quel punto l’altra pattuglia, rimasta appostata nei pressi della palestra, è uscita allo scoperto proprio mentre si stava consumando un’altra cessione. I militari hanno subito bloccato lo spacciatore, un 38enne dell’Alta Valmarecchia, e perquisito la sua auto, dalla quale quale sono spuntati circa mille euro in contanti in banconote da 20 e 50 euro e due dosi di cocaina. L’acquirente, invece, è stato pizzicato con altre due posi appena comprate.

I carabinieri hanno esteso la perquisizione nell’abitazione dello spacciatore: nascosti nel garage c’erano 300 grammi di cocaina, qualche dose di marijuana, bilancini di precisione e tutto l’occorrente per il confezionamento, compresi alcuni contenitori pieni di sostanza da taglio. Considerati i gravi indizi di colpevolezza, il 38enne è stato arrestato e questa mattina il giudice ha disposto nei suoi confronti i domiciliari in attesa del processo. I due giovani acquirenti, invece, sono stati segnalati alla prefettura come assuntori.

sequ

Notizie correlate