Indietro
menu
il ferito in ospedale

Lo accoltellano per strada e scappano con 350 euro. Presi due baby rapinatori

In foto: repertorio
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 17 feb 2021 14:43 ~ ultimo agg. 18 feb 10:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stava camminando per strada, lungo via Sabinia, quando all’improvviso gli si sono parati di fronte due giovani nordafricani. Entrambi, armati di coltello, gli hanno intimato di consegnare tutti i soldi che aveva. Lui, un cittadino bengalese, però, ha opposto resistenza e loro lo hanno accoltellato prima alla scapola sinistra e poi all’inguine sinistro lasciandolo a terra privo di sensi. I due baby rapinatori a quel punto gli hanno sfilato il portafogli dalla tasca e sono fuggiti con 350 euro in contanti.

Dopo circa 10 giorni di ricerche serrate da parte degli uomini della Squadra mobile di Rimini, diretta dal vice questore aggiunto, Mattia Falso, un 16enne tunisino, senza fissa dimora e con precedenti per reati contro il patrimonio, ieri mattina è stato rintracciato alla Caritas e sottoposto a fermo. Il complice, invece, era già stato arrestato dagli agenti delle Volanti per un’altra rapina, compiuta la stessa sera (era il 5 febbraio) in un minimarket di Miramare.

E’ stato il bengalese, una volta dimesso dall’ospedale Infermi con una prognosi di 15 giorni, a recarsi in questura per aiutare gli investigatori ad arrestare i suoi aggressori. Scorrendo le foto segnaletiche di alcuni giovani magrebini fermati negli ultimi tempi ha riconosciuto uno dei due rapinatori.

Le analisi tecniche, effettuate sui tabulati telefonici dell’utenza in uso al giovane rapinatore (anche lui minorenne), hanno confermato la sua presenza sul luogo della violenta aggressione. Poi gli investigatori hanno scandagliato tutte le sue possibili frequentazioni, dalle quali è spuntato il nominativo del complice 16enne, riconosciuto anch’egli in foto dalla vittima. La caccia al baby rapinatore si è conclusa ieri, con il fermo e il successivo trasferimento nell’istituto penale minorile “Pietro Siciliani” di Bologna, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO