Indietro
menu
l'aggressore torna libero

Violenta lite in stazione a Cattolica. Un ferito a colpi di bottiglia, un arresto

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 9 gen 2021 09:57 ~ ultimo agg. 18:09
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Intorno alle 21.30 di venerdì i carabinieri della Teneneza di Cattolica sono intervenuti per cercare di sedare una violenta lite scoppiata vicino alla stazione ferroviaria. Protagonisti un 36enne etiope, senza fissa dimora e con svariati precedenti per rissa, maltrattamenti e lesioni, e un cittadino polacco residente nel cattolichino.

Tra i due, entrambi ubriachi, sarebbe volata qualche parola di troppo e dopo i primi spintoni e una bastonata, l’etiope ha afferrato una bottiglia, l’ha spaccata e si è scagliato contro il rivale. Il fendente ha raggiunto il polacco alla mano, provocandogli una profonda ferita. I carabinieri, con non poche difficoltà, sono riusciti a bloccare l’aggressore e ad ammanettarlo mentre il polacco veniva portato all’ospedale di Riccione. Per lui una prima prognosi di 25 giorni, in attesa dell’intervento chirurgico a cui sarà sottoposto nelle prossime ore.

Il 36enne etiope, dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza della Tenenza cattolichina, con l’accusa di lesioni personali aggravate, questa mattina è comparso in tribunale. Il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, in attesa del processo, fissato tra sei giorni, ha rimesso in libertà l’imputato, che nel frattempo dovrà presentarsi una volta al giorno in caserma per l’obbligo di firma.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
di Redazione   
FOTO