Indietro
menu
Veglioni vietati

Operazione Capodanno. 200 divise per garantire il rispetto del coprifuoco

In foto: i controlli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 31 dic 2020 09:46 ~ ultimo agg. 1 gen 12:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo tre giorni arancioni, scattano nuovamente le misure da “zona rossa” in tutta Italia fino al 3 gennaio. E nella notte di Capodanno i controlli saranno serrati per garantire il rispetto delle norme anti contagio. Un vertice in Prefettura ha messo a punto il piano dei controlli per sorvegliare i punti strategici del territorio. Complessivamente saranno 200 gli uomini delle forze dell’ordine: 44 le pattuglie dei carabinieri, 20 gli agenti della polizia locale di Rimini e poi ancora Polizia di Stato e Guardia di Finanza. I controlli, si intensificheranno dopo le 22, orario del coprifuoco che si estenderà fino alle 7 del primo gennaio (e non le 5 come di consueto). Vietate le feste e i veglioni sia in luoghi pubblici che privati. Ma anche le cene troppo numerose. I controlli nelle case avverranno solo in caso di segnalazioni. La polizia postale sta tenendo d’occhio il web e i social alla ricerca di “convocazioni” sospette. Mirino puntato sui centri storici ma soprattutto sulle ville in collina nel riccionese (che hanno già “precedenti”) e in campagna. I carabinieri di Novafeltria e quelli di Riccione monitoreranno i confini con San Marino. Vietati anche i fuochi d’artificio e il lancio di petardi con polizia e guardia di finanza che controlleranno i caselli autostradali visto il sospetto di consegne clandestine.