Indietro
menu
il summit con i sindaci

La prefettura avverte: "Si va verso la chiusura di piazze o strade"

In foto: la polizia in centro storico (repertorio)
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 10 nov 2020 16:25 ~ ultimo agg. 11 nov 14:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ieri sera si è tenuto il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal prefetto Forlenza, che questa mattina ha incontrato i sindaci della provincia per fare un punto della situazione.

Dai dati forniti dall’azienda sanitaria locale è emerso chiaramente un trend in crescita dei positivi in tutta la Romagna, con la provincia di Rimini che si è attestata nelle ultime 24 ore sui 253 casi (a fronte, ad esempio dei 151 di appena quattro giorni prima, con un incremento quindi superiore alle 100 unità) e con conseguenti ripercussioni che fanno definire “seria” la situazione in atto, atteso, peraltro, che la media dei contatti di ogni positivo è di circa una decina di persone.

In questo quadro Rimini si caratterizza per la più alta quota di asintomatici, corrispondente a circa il 56% dei positivi (a fronte del 48% regionale), con il 19% dei tamponi positivi rispetto al 17% della Romagna. Pur essendo la Romagna in condizioni meno gravi rispetto all’area dell’Emilia, si è evidenziata durante la riunione di questa mattina la necessità di guardare all’evoluzione del fenomeno epidemiologico anche nella prospettiva di ulteriori restrizioni.

Tutti i sindaci, infatti, hanno concordato sulla necessità di richiamare i cittadini a un “forte senso di responsabilità, che deve impegnare ciascuno a comportamenti individuali di assoluto rigore”. Uno dei maggiori veicoli di diffusione del contagio è rappresentato dalla mobilità delle persone anche all’interno dei centri urbani. E’ per questo che la prefettura “non esclude la possibilità, qualora si confermi un trend in aumento, di chiusura di singole piazze o strade particolarmente frequentate”.

Ad oggi, fa sapere la prefettura, sono 529 i posti Covid per l’intera Romagna e di questi sono già 450 quelli occupati. Infine sul versante della somministrazione dei tamponi, i sindaci si sono detti soddisfatti dell’implementazione dei “drive through”, ad oggi quattro in provincia: due a Rimini e uno a Novafeltria già attivi ed un altro di imminente attivazione a Riccione, che si avvarrà del concorso di personale sanitario dell’Esercito Italiano.

Notizie correlate
di Andrea Turchini