Indietro
menu
PS: 300 accessi al giorno

Donini in Commissione: “Contagi in calo, l’obiettivo è abbassare la curva”

In foto: l'assessore Donini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 17 nov 2020 16:28 ~ ultimo agg. 19:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono 2.219 oggi, di cui 984 asintomatici, i contagi di oggi in Emilia Romagna su oltre 22mila tamponi, con un abbassamento della percentuale di positivi sui tamponi. Lo ha anticipato l’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini intervenendo questa mattina in commissione Politiche per la salute e politiche sociali, presieduta da Ottavia Soncini.

“L’obiettivo è quello di abbassare la curva epidemica, i contagi sono già in diminuzione ma è importante, in particolare, continuare ad assicurare la tenuta e la resilienza del sistema sanitario regionale”, ha detto assicurando che “il sistema sta regolarmente erogando le prestazioni sanitarie programmate, a livello chirurgico e ambulatoriale”.

In commissione sono stati poi illustrati i dati sulla situazione epidemiologica in regione (aggiornati al 16 novembre): i casi totali sono arrivati a 91.066 (5.067 i morti, per l’85 per cento nella fascia che supera i 70 anni d’età), sono 2.638 le persone attualmente ricoverate, di cui 247 in terapia intensiva.

È poi stato rilevato che nelle ultime settimane c’è stata un’impennata dei contagi, in particolare nelle province di Modena, Reggio e Piacenza (che contano più di 40 casi ogni 100mila abitanti), numerosi sono poi i casi all’interno delle strutture che ospitano persone anziane (con il 24,9 per cento dei decessi totali). L’indice di riproduzione del virus (Rt), si è poi specificato in seduta, è ora in calo, l’obiettivo è quello di riportarlo al di sotto di 1. Gli accessi ai pronto soccorso per casi legati al covid sono più di 300 al giorno.

Per Giuseppe Paruolo (Pd) “è fondamentale il lavoro che si sta portando avanti”. Per il consigliere è necessario insistere sull’attività di tracciamento, anche per favorire la decrescita della curva epidemiologica. Ha poi posto il tema dei fattori esterni che possono incidere sulla diffusione del virus, rilevando problemi nelle città sulla qualità dell’aria.

La consigliera Valentina Castaldini (Forza Italia) ha invece affrontato la questione delle quarantene: “Oggi centinaia di cittadini (a fine quarantena) si trovano in un limbo, non possono uscire perché non ricevono la telefonata delle aziende sanitarie”.

Per Silvia Piccinini (Cinquestelle) è fondamentale rispettare le disposizioni anticovid, che alla luce dei dati “risultano assolutamente necessarie”. Ragionando sempre sulle cifre fornite dall’esecutivo ha chiesto se sia opportuno o meno attivare ulteriori restrizioni per i territori maggiormente colpiti dall’epidemia, come quello modenese.

Daniele Marchetti (Lega) ha invece insistito sulla necessità di utilizzare nelle terapie rivolte ai malati di covid anche la idrossiclorochina, “come già accade in altre regioni”.

Igor Taruffi (Emilia-Romagna Coraggiosa) ha invece elogiato, in questa fase emergenziale, l’attività portata avanti dai medici di medicina generale, che potrebbero essere anche “maggiormente coinvolti nell’attività di tracciamento”. Ha poi proposto di consentire a chi vive nelle aree periferiche della regione (in piccoli comuni) spostamenti nell’intero perimetro del distretto sanitario di appartenenza.

Silvia Zamboni (Europa verde) ha invece ribadito l’utilità nell’incrementare cure domiciliari (aumentando anche le unità mobili). Ha poi chiesto di non rallentare la diagnostica precoce legata all’ambito oncologico, per scongiurare un incremento dei casi tumorali.

Simone Pelloni (Lega), relativamente alla somministrazione dei vari test diagnostici collegati al covid, ha chiesto un maggiore coinvolgimento del personale infermieristico. Ha poi criticato la gestione dell’emergenza nelle strutture per anziani, “qualcosa non ha funzionato, in particolare a Modena”.

 
Notizie correlate
di Redazione   
Presentazione del libro

I primi 40 anni di Caritas

di Redazione