Indietro
menu
Un "arretrato" a quota 9.000

Senologia. Le misure per recuperare le visite perse causa emergenza

In foto: la dottoressa Sonia Santicchia della Breast Unit di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 2 ott 2020 17:37 ~ ultimo agg. 3 ott 10:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Durante il lockdown si è interrotta l’attività di screening sul tumore al seno prevista dai protocolli sanitari. A giugno, quando c’è stata la possibilità di riprendere l’attività di screening, la Senologia di Rimini aveva un arretrato di visite a novemila pazienti da recuperare. Con la complicazione delle nuove misure di prevenzione al contagio che allungano i tempi tra una visita e l’altra, per esigenze di sanificazione, limitando quindi il numero di pazienti visitabili al giorno.

Per venire incontro a queste esigenze l’Ausl ha acquistato un mammografo in più e potenziato il personale dedicato. Un lavoro che ha richiesto il massimo sforzo dal personale e che resta ancora imponente: la stima è di rimettersi in  pari entro gennaio. L’invito alle donne è comunque quello di non tralasciare la prevenzione, soprattutto alla luce dei mesi di stop passati.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi