Indietro
menu
Sarsina-Sant'Agata

Infrastrutture. Lega perplessa sulle promesse di Bonaccini: vigileremo

In foto: i parlamentari della Lega Jacopo Morrone ed Elena Raffaelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 8 ott 2020 16:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente della Regione Bonaccini, in visita sul territorio romagnolo, ha annunciato che entro il 2024 saranno conclusi i lavori per la Sarsina-Sant’Agata Feltria, arteria strategica per la viabilità locale. Promesse che lasciano perplessa la Lega. “Ovviamente – scrivono i parlamentari Jacopo Morrone e Elena Raffaellisarà nostra cura verificare ogni cifra citata da Bonaccini e che effettivamente quanto dichiarato si traduca in opere concrete“. Nel merito della Sarsina-Sant’Agata Feltria “i lavori sono iniziati, come si apprende, solo nel primo di cinque lotti – spiegano –. Entro il 2024 la data di fine lavori, sempre secondo le previsioni di Bonaccini, che, per onestà intellettuale, avrebbe dovuto anche ricordare che questo progetto è frutto di una battaglia storica della Lega locale. Ma c’è un altro particolare che preoccupa. Il Governatore non ha citato, contestualmente, la ‘Marecchiese’ che, se non interessa direttamente Sant’Agata Feltria, è comunque l’unica via di comunicazione per almeno sei dei sette comuni della Valmarecchia, assolvendo la duplice funzione di collegamento tra l’alta Valmarecchia, la costa e le grandi arterie autostradali e tra Rimini e Sansepolcro. Un’arteria di importanza vitale anche per i nuovi insediamenti industriali in alta valle, che aspetta da oltre un trentennio di essere riqualificata e messa in sicurezza. La Regione, quindi, insieme a Province e Comuni, dovrebbe non solo avere una visione d’insieme del territorio, in questo caso della Valmarecchia, ma anche dare precise indicazioni alla popolazione interessata”.