Indietro
menu
evitati orari differenziati

Scuole Ospedaletto. A due settimane da inizio buon primo bilancio

In foto: Ic Ospedaletto di Coriano
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 30 set 2020 11:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un primo bilancio buono a due settimane dall’inizio dell’anno scolastico per le scuole dell’IC Ospedaletto di Coriano. La progettazione e i lavori messi in campo durante l’estate e nelle settimane che hanno preceduto il 14 settembre hanno permesso di riportare in classe tutti gli alunni, evitando anche il differenziamento di orario, che in molte altre scuole sta rappresentando un problema di organizzazione.

Per tutti, dai bimbi dell’infanzia ai grandi delle medie, l’attività è ripresa regolarmente.

Più di mille e trecento metri di nastro e migliaia di bollini colorati per indicare le posizioni giuste per i banchi, per mantenere le distanze corrette, dall’entrata all’uscita degli alunni. 20 postazioni per ogni plesso per igienizzare le mani,  e 6 nuovi ingressi aperti per favorire entrate e uscite più fluide, ed evitare assembramenti. 100 cartelli colorati per spiegare le nuove regole. Sono caduti muri e tramezzi, si sono spostate classi e laboratori; sono state investite le risorse messe  a disposizione anche per acquistare apparecchiature ed elettrodomestici come le lavatrici, per consentire l’igienizzazione  dei materiali in uso a scuola ogni giorno. Il risultato è stato che tutti sono potuti rientrare in aula in piena tranquillità, negli stessi orari degli anni precedenti, senza la necessità di differire o differenziare gli orari di entrata.

Sin dal primo giorno, il rientro si è svolto con grande naturalezza“, conferma la Dirigente, prof. Barbara Cappellini. “Tutti gli alunni sono tornati a scuola in modo molto disciplinato, anche se sicuramente, il rientro, dopo tanti mesi di lontananza forzata, si è colorato di una emozione particolare sia per loro che per tutti i docenti. Siamo già a pieno ritmo, mancano solo alcuni tasselli per definire la geometria dell’organico dei docenti, e quest’anno, la vera sfida sarà vivere il quotidiano in sicurezza, ma senza lasciare che le pur necessarie strategie di contenimento sanitario, limitino in modo negativo le attività e la voglia di vivere la scuola con tutto l’entusiasmo che ci vogliamo mettere. La curiosità? nel corso dei lavori alla scuola secondaria, abbiamo trovato un vero passaggio segreto, murato e nascosto da chissà quanto. Immaginavamo già tesori nascosti e oscuri luoghi segreti…alla fine, il cunicolo è stato abbattutto e…peccato, nessun tesoro dei pirati. Però abbiamo un ricavato un corridoio più ampio per gli studenti! come in questo caso, da tutto cerchiamo di trarre il lato positivo, e impareremo ancora una volta, a trarre il meglio anche da questo periodo complesso, che ci ha insegnato a non dare per scontato nulla di quanto pensavamo acquisito. La scuola sarà per tutti il luogo dove si impara, in sicurezza.”