Indietro
menu
Nel Decreto Semplificazioni

Da un emendamento di Croatti (5 Stelle) nuove possibilità per il plein air

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 8 set 2020 15:05 ~ ultimo agg. 16:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In sede di conversione in legge del decreto-legge Semplificazioni del 16 luglio è stato approvato l’emendamento del Senatore Marco Croatti che introduce semplificazioni in materia di turismo all’aria aperta. Un emendamento che consente l’installazione, nelle strutture ricettive all’aperto, oltre a manufatti leggeri e di strutture di qualsiasi genere quali roulotte, camper, case mobili e imbarcazioni anche di tende e unità abitative mobili e loro pertinenze e accessori per la sosta e il soggiorno dei turisti anche in via continuativa ma non permanenti al suolo ove previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e paesaggistico”.

L’emendamento apporta modifiche al Testo unico delle disposizioni legislative regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, per consentire l’installazione di mezzi mobili di pernottamento di nuova generazione e completamente ecosostenibili.

“Il settore dell’open air – ricorda Croatti – malgrado la brusca frenata dovuta all’emergenza sanitaria, ha registrato negli ultimi anni un notevole aumento della domanda e deve il suo successo alla possibilità per i turisti di essere a stretto contatto e al contempo di godere di servizi e confort. Nell’ultimo decennio è infatti cresciuta la richiesta di moderne, sofisticate ed ecosostenibili unità abitative immerse nella natura ma dotate di ogni confort. È in questa direzione che bisogna puntare e quest’emendamento consentirà alle strutture ricettive del nostro Paese di aumentare la propria capacità ricettiva di circa 30.000 posti letto. Credo e auspico – conclude il Senatore riminese – che tale misura possa arrecare enormi benefici agli imprenditori e agli addetti del turismo “open air” italiano, che, ricordiamo, è il secondo segmento turistico più importante in termini di accoglienza dopo il settore alberghiero”.

 

Altre notizie
Crisi o opportunità?

Non sarà gratis

di Andrea Turchini
di Andrea Polazzi