Indietro
menu
Nei comuni di Rimini sud

Appello dei sindacati: salvataggi in spiaggia almeno fino al 20

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 10 set 2020 11:34 ~ ultimo agg. 15:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il servizio dei marinai di salvataggio in spiaggia deve essere attivo almeno fino al 20 settembre nei comuni di Riccione, Misano e Cattolica. L’ordinanza balneare al momento ne prevede lo stop il 13. L’appello arriva dalla Filcams Cgil e dalla Fisascat Cisl che evidenziano come, alla luce anche del doppio appuntamento con il motomondiale e delle buone previsioni meteo, le spiagge dei tre comuni saranno probabilmente molto frequentate.

Questo – spiegano – significa che è necessario garantire la sicurezza della balneazione attraverso il lavoro qualificato dei marinai di salvataggio che, ricordiamo, svolgono un servizio pubblico essenziale volto a garantire diritti di rango costituzionale. Tale servizio è talmente irrinunciabile che, appunto, ai marinai sono imposte regole che limitano fortemente il diritto di sciopero; risulta incomprensibile come un servizio pubblico essenziale possa essere considerato trascurabile a fronte di grandi eventi e di appelli al prolungamento delle aperture stagionali“.

I sindacati ricordano anche “che quest’anno le imprese balneari potranno godere di contributi pubblici straordinari a fronte del servizio di salvataggio” e concludono con un appello ai Comuni di Riccione, Misano Adriatico e Cattolica affinché “si facciano interpreti dell’esigenza di garantire la massima sicurezza della balneazione emettendo un’ordinanza balneare straordinaria che proroghi l’obbligo di garantire il salvamento fino al 20 settembre“.