Indietro
menu
La mobilitazione si amplia

Antenna a Coriano. Piccinini (M5S) porta il caso in Regione

In foto: una simulazione del Comitato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 28 ago 2020 15:07 ~ ultimo agg. 15:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il caso dell’antenna di Coriano, contestata per il suo impatto paesaggistico, arriva in Regione. Con un’interrogazione Silvia Piccinini dei Cinquestelle chiede al governo regionale di “sostenere l’iniziativa popolare diretta a impedire l’installazione di una mega antenna di telefonia mobile alta 35 metri, collocata nel centro abitato riminese di Coriano, giusto accanto alle mura del castello dei Malatesta (una delle più significative testimonianze storiche e architettoniche dell’area)”.

Questa installazione, spiega la consigliera, “deturperebbe il nostro patrimonio e arrecherebbe grave danno alle prospettive di sviluppo turistico, culturale ed economico dell’area”, per questo sollecita “un confronto con tutti i soggetti interessati e competenti, coinvolgendo anche il ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo”.

L’iniziativa, ricorda la Piccinini, “è ovviamente osteggiata da cittadini e associazioni che in pochi giorni hanno raccolto oltre 800 firme per sostenere una delle principali ricchezze del territorio, cioè la bellezza del suo paesaggio e del suo patrimonio artistico, architettonico e ambientale: non si tratta infatti solo di contrastare uno scempio ma di promuovere il valore delle condizioni che possono garantire crescita e sviluppo, a maggior ragione in questo periodo orientato alla ripartenza e alla riprogettazione delle nostre comunità”.

La consigliera chiede poi alla Giunta “come intenda mettere in pratica l’appello alla valorizzazione della tradizione regionale in materia di tutela del paesaggio richiamata dall’assessore regionale alla Cultura all’atto del suo intervento all’avvio della legislatura”.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
FOTO
di Redazione