Indietro
menu
Stagione difficile

Bonus. Rinaldis: molte richieste, c'è chi vorrebbe la vacanza gratis

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 21 lug 2020 10:54 ~ ultimo agg. 18:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sul fronte del bonus vacanze qualcosa si muove ma ancora la situazione è fluida. Lo spiega la presidente degli albergatori riminesi Patrizia Rinaldis ai microfoni di Icaro. “Siamo a due mesi dall’uscita del decreto e per ora solo una banca mi ha confermato che li accetterà come versamento – spiega – però col bonus potremo andare in compensazione sulla Tari e sui contributi per i dipendenti e molti fornitori li accettano quindi, macchinosità a parte, riusciremo ad accettarli.” I problemi però non mancano. “Ci sono persone che ci chiamano e vogliono fare una vacanza restando interamente all’interno del proprio bonus – dice – c’è chi prova a fare il furbetto e chi chiama noi per sapere come fare ad averlo.” La cosa importante, secondo Rinaldis, è farselo consegnare subito “e, in caso, bloccarlo, perché il bonus, è bene ricordarlo, si può usare solo una volta anche se non si arriva all’intero ammontare. Il sistema dell’ufficio delle entrate ci aiuta indicando se è già stato usato e la cifra corretta.” Comunque, precisa la presidente, “deve essere chiaro che anche con il bonus non si possono fare le vacanze gratis.” Per quanto riguarda questa complicata stagione, Patrizia Rinadis non si sbilancia: “andiamo giorno per giorno e le somme le tireremo a fine stagione guardando i fatturati. Sono un po’ preoccupata.” La maggior parte degli alberghi ha però deciso comunque di aprire: “è una questione di dignità, abbiamo voluto dare un servizio, un segno. Alcuni di quelli chiusi, lo sono purtroppo, a causa di non rinegoziazioni. Si sarebbe potuto trovare qualche accordo.Secondo la presidente però la crisi non “ripulirà” il settore da chi lo scredita con prezzi stracciati: “certi personaggi non sono degni di stare sul territorio e a chi si vanta di fare certe tariffe renderei la vita molto difficile. Però temo che, con l’attuale situazione di difficoltà, possano spuntare altre persone non gradite, persone che non fanno il nostro lavoro. E’ un periodo difficile anche da questo punto di vista.

Notizie correlate
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO