Indietro
menu
la firma in videoconferenza

Un'eccellenza riminese per lo smaltimento dei rifiuti sanitari in Cina

In foto: l'accordo firmato
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 9 giu 2020 19:36 ~ ultimo agg. 19:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per gestire l’enorme quantità di rifiuti sanitari legati al coronavirus, la Cina guarda a eccellenze riminesi. E’ stata sancita oggi la nascita di un’azienda italo-cinese che produrrà in larga scala di macchinari per lo smaltimento di rifiuti potenzialmente pericolosi.

Un’azienda innovativa nata nel riminese e sempre più attiva a livello internazionale. La Newster System, nata nel 1996, è specializzata nella gestione di rifiuti ospedalieri. Ha 550 unità e collabora con strutture sanitarie e istituti scientifici di tutto il mondo. Ora arriva anche la joint venture con la Chao Capital, società di investimento internazionale nelle attrezzature ospedaliere sostenibili. Oggi l’accordo firmato in videoconferenza coi saluti, tra gli altri, di Romano Prodi.

 

Lo stabilimento sarà inizialmente di 10.000 mq per poi raggiungere gradualmente i 30.000 mq, con dipendenti che varieranno dalle 200 alle 300 unità. Le macchine prodotte, solo ed esclusivamente per il mercato cinese, saranno un migliaio l’anno, per raggiungere le 3.000 unità in quelli successivi. Newster entra anche in una joint venture con quote paritarie, dove investirà e gestirà direttamente il know-how nella produzione di detti macchinari.

La collaborazione è già partita con la firma di un MoU (Memorandum of Understanding) e con l’acquisto di 9 macchinari prodotti nella sede italiana di Newster da parte di Weidun Environmental Technology Co. LTD, holding di Chao Capital, pronti entro luglio.

L’accordo JVA (joint venture agreement), firmato questa mattina, dà il via alla seconda fase per la costituzione dell’azienda italo-cinese per espandere il business di Newster nel paese asiatico ad avviare concretamente il progetto di collaborazione.

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini   
di Redazione   
di Redazione