Indietro
menu
I presidi della cultura

La cultura che riparte. Maroni (Biblioteca Gambalunga): chiudere è stato un trauma

In foto: Oriana maroni in Biblioteca
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 25 giu 2020 16:34 ~ ultimo agg. 26 giu 12:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La cultura e la conoscenza sono chiavi fondamentali da cui ripartire, ancora di più alla luce dell’infodemia che si è diffusa negli ultimi mesi. E le biblioteche riminesi sono pronte a fare la loro parte. Anche se in realtà non si sono mai fermate, e nei mesi in cui le loro sale sono dovute restare chiuse hanno ripensato i loro servizi continuando a fare sistema lavorando su canali alternativi, in digitale ma non solo: alcune biblioteche della provincia hanno ad esempio attivato il prestito a domicilio, come a Santarcangelo e San Giovanni in Marignano.

Da qualche giorno ha riaperto al pubblico per i prestiti anche la Biblioteca Gambalunga di Rimini, la più grande e complessa del territorio: un riferimento importante per la città, con 25mila iscritti e 190mila accessi nel 2019, che ha dovuto chiudere a lungo le sue sale ma ha lavorato con i prestiti di e-book (aumentati del 104%) e incrementando l’attività sui social (56 post pubblicati quotidianamente per un totale di 349.330 contatti). Ora si conta di riaprire a breve, sempre in modo contingentato regolato, anche il servizio di consultazione e le sale studio.

L’intervista a Oriana Maroni, responsabile della Biblioteca Gambalunga di Rimini:

Altre notizie
di Redazione
di Simona Mulazzani
VIDEO
Interventi del doc Garulli e della sua equipe

La chirurgia riminese eccellenza internazionale

di Redazione
di Simona Mulazzani
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
FOTO