Indietro
menu
Coronavirus Rimini Economia

L'appello delle categorie: non bloccate pagamenti ai fornitori

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 7 mag 2020 12:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le associazioni di categoria della provincia di Rimini si rivolgono agli associati per chiedere loro di aderire alla campagna di sensibilizzazione “Sii responsabile”, con cui si invitano le imprese a pagare i fornitori e mantenere fede agli impegni presi, rispettando le scadenze. “La via del blocco dei pagamenti ai fornitori – si legge nella lettera – non è una soluzione, è semplicemente spostare il problema su un’altra realtà, fatta di persone, impegni, oneri e doveri. E’ per questo motivo che è importante adottare un comportamento etico pagando tutti i fornitori ed i professionisti in scadenza e rispettando gli accordi presi, comprese la PA affinchè onori i pagamenti arretrati e presenti, per non innescare un effetto domino che metterebbe in crisi l’intera filiera“.

Questo il messaggio che Confcooperative Ravenna-Rimini, CNA Rimini, Confartigianato Rimini, Confesercenti Rimini, Rete Professioni Tecniche della provincia di Rimini e Legacoop Romagna hanno rivolto agli iscritti, con una lettera congiunta.

La lettera parte dalla constatazione che “il nostro Paese, l’Europa e il mondo intero stanno vivendo una situazione davvero drammatica, senza precedenti nell’era moderna, stiamo combattendo contro un nemico invisibile che ci costringe all’allontanamento sociale, all’interruzione delle relazioni, all’impossibilità di dedicarci alle nostre attività lavorative, ma che soprattutto sta causando molte, troppe vittime ed è naturale che in momenti come questi la prima cosa che deve essere salvaguardata è la vita e la salute delle persone“.

Secondo le associazioni in questa fase dell’emergenza è il senso di responsabilità imprenditoriale che può fare la differenza per la tenuta del tessuto economico. “In questo momento, dove tutti abbiamo bisogno di aiuto, è impensabile che aziende, imprese, cooperative, professionisti, attività commerciali, etc. possano sostenere il peso finanziario della propria clientela. L’Italia ce la farà, ma serve l’impegno di tutti“.

Notizie correlate