Indietro
menu
bellaria igea marina

Pacchetto da 1.140.000 € per aziende e famiglie approvato dalla giunta

In foto: il sindaco di Bellaria Igea Marina Filippo Giorgetti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 mag 2020 11:54 ~ ultimo agg. 12:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ammonta a 1.142.000 euro il pacchetto di interventi a sostegno di aziende e famiglie approvato in settimana dalla giunta comunale: agevolazioni, esenzioni e contributi destinati alle attività ed ai nuclei famigliari maggiormente colpiti dalla crisi economica. Un quadro di interventi in cui trovano copertura misure già attuate, come l’azzeramento delle rette scolastiche, spiccano un fondo anti crisi e una maxi quota accantonata per tagliare la Tari delle attività costrette alla chiusura durante la fase 1.

“In queste settimane abbiamo lavorato con l’obiettivo di mettere a sistema, in un’unica delibera e in un quadro di interventi complessivo, il pacchetto risponde a un obiettivo preciso: fare tutto il possibile per aiutare le nostre famiglie. Soprattutto quelle che portano sulle proprie spalle le piccole e medie imprese di Bellaria Igea Marina – spiega il Sindaco Filippo Giorgetti.

Nel provvedimento approvato trova copertura, anzitutto, l’estensione dell’esenzione Cosap per il periodo dal 1^ maggio al 31 ottobre: misura che il D.L. 34/2020 prevederebbe esclusivamente per le imprese di pubblico esercizio, e che a Bellaria Igea Marina è stata allargata a negozi, artigiani, alberghi, bagnini e palestre. Una leva a favore delle aziende che “vale” 115.000 euro e che si accompagna a un nuovo rinvio della rata Cosap il cui pagamento era inizialmente previsto a fine marzo: nuova scadenza fissata al 31 luglio, per concedere ulteriore tempo alle aziende per rimettere in moto la propria economia.

500.000 euro sono invece stati stanziati per consentire il taglio del 25 % della quota variabile della Tassa Rifiuti, a beneficio di tutti quegli esercizi che, nella cosiddetta fase 1, hanno chiuso la propria attività per effetto di disposizioni dirette emanate da governo, autorità regionali o comunali. 250.000 euro costituiranno poi, come detto, un fondo anti crisi rivolto ad aziende e famiglie, che consentirà un diffuso rimborso di tasse e tariffe comunali: una cifra importante, quella stanziata, che si legherà alla pubblicazione di apposito bando.

Azzerate le tariffe delle scuole, dai servizi in se’ alle rette per mensa e trasporto, per il periodo di chiusura delle stesse: un provvedimento, quest’ultimo, che insieme all’azzeramento delle tariffe per i parcheggi di tutto il mese di maggio e alla riduzione dei costi degli abbonamenti per la sosta, muove nel complesso altri 277.000 euro.

A completare il quadro, i rimborsi a beneficio di chi abbia versato tributi in eccedenza (alla luce proprio delle misure tributarie appena approvate), entro il mese di luglio. Infine, la non applicazione di sanzioni ed interessi nel caso di versamento dell’acconto IMU 2020 entro il 16 dicembre di quest’anno: una misura pensata, anch’essa, per i contribuenti che hanno registrato difficoltà economiche, e della quale si potranno avvalere attraverso apposita modulistica che verrà predisposta dagli uffici comunali.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna