Indietro
menu
appuntamento finito male

Va alla ricerca di sesso a pagamento e viene multato: "Sono in astinenza, non resisto"

In foto: I controlli dei carabinieri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 25 apr 2020 11:24 ~ ultimo agg. 15:36
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non ce la faceva più a rinunciare al sesso. Così, dopo varie ricerche, ha trovato una transessuale disponibile a riceverlo nonostante le restrizioni. Lui si è messo in auto, ha raggiunto l’appartamento della professionista, ma quando è stato lì non c’è stato accordo sul prezzo ed è scattata la chiamata al 112.

Ad essere sanzionato per aver violato le norme anticontagio è stato un single riccionese di 34 anni, rinchiuso in casa da settimane e in astinenza sessuale. A chiamare i carabinieri l’altra notte è stata proprio la transessuale che vive a Riccione, indispettita dalle insistenze del cliente col quale non aveva trovato un accordo economico. Infatti, quando il 34enne si è presentato all’appuntamento, la professionista ha preteso un prezzo più alto considerata “l’urgenza”. Pagamento in contanti e soldi da consegnare prima della prestazione, come da prassi.

Ma quella cifra extra il 34enne non ce l’aveva, così ha iniziato ad insistere per ottenere un sconto. La trans, però, si è mostrata inflessibile e, davanti alle ripetute insistenze del cliente, gli ha chiuso la porta di casa in faccia e chiamato i carabinieri di Riccione. Quando i militari sono arrivati sul posto, l’uomo era ancora lì: “Sono in astinenza, non ce la faccio più”, è stata la sua ammissione. Inevitabile per lui un verbale da 400 euro.