Indietro
menu
Qualche rallentamento sul sito

Buoni spesa . A Riccione già caricate sul sito 850 richieste

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 6 apr 2020 12:57 ~ ultimo agg. 14:46
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Questa mattina in due ore e mezza erano già state caricate oltre 850 richieste per i buoni spesa nel comune di Riccione. Un carico importante che rischia di rallentare le risposte: “il sito – spiegano dall’amministrazione –  potrebbe in alcuni momenti dare delle risposte un po’ più lente“. Si ricorda comunque alla cittadinanza che non c’è alcuna necessità di affrettare le domande perché vi sono dei criteri di assegnazione chiari. Tre i supermercati dove saranno spendibili i buoni: Il Boschetto di via Veneto, il Tuodì sulla statale e il Despar a Riccione Paese.

Il servizio per i buoni spesa è stato attivo da questa mattina alle 9, e lo rimarrà fino al 21 aprile alle 12. Sul sito del comune di Riccione si trova il link da compilare per i buoni spesa. Prima bisogna collegarsi all’indirizzo del Comune di Riccione  https://www.comune.riccione.rn.it, poi cliccare il bottone rosso con la scritta “buoni spesa” che compare in basso a sinistra. Si aprirà così una finestra in cui vengono spiegati i requisiti per accedere ai buoni spesa, sulla destra un altro bottone rosso invierà l’utente ai moduli da compilare. Prima però bisognerà autenticarsi con mail e password sul sito del Comune. Nel caso di nuovo utente bisognerà cliccare su registrati e seguire le istruzioni, dopodiché il sistema in automatico invierà una mail a conferma della registrazione che andrà confermata. Una volta così create le credenziali si potrà presentare la domanda per i buoni pasto.

Per quanti avessero necessità di un aiuto per la compilazione delle domande il Comune ha messo a disposizione 6 linee telefoniche (dalle 8.30 alle 14.30) e un casella di posta elettronica dedicata: buonispesa@comune.riccione.rn.it

 

 

 

Avranno la priorità i nuclei famigliari che NON percepiscono benefici economici erogati dalla Pubblica Amministrazione (Reddito di cittadinanza, Rei, Naspi, Indennità di mobilità, Cassa integrazione guadagni, altre forme di sostegno previste a livello regionale, sostegni alimentari e/o economici ricevuti nell’ambito di accordi/convenzioni che il Comune ha stipulato con il Terzo Settore sono esclusi i benefici riconducibili alla situazione di disabilità).

Solo in subordine e fino ad esaurimento delle risorse disponibili quindi i nuclei famigliari che percepiscono benefici economici erogati dalla Pubblica Amministrazione (reddito di cittadinanza, Naspi, indennità di mobilità, contributi comunali, pacchi alimentari). Il valore del Buono spesa è commisurato al numero dei componenti del nucleo famigliare (a partire da  150 euro e aumentato di 90 euro per ogni componente della famiglia) ed è maggiorato del 10% in presenza di minori fino a 3 anni. Famiglia con un solo componente 150 euro, 2 componenti 240 euro; 3 componenti 330 euro; 4 componenti 420 euro; 5 e oltre 510 euro.

Sul sito è poi possibile visualizzare l’elenco dei punti vendita convenzionati: SUPERSTORE BOSCHETTO v.le Veneto 43; TUODì SUPERFRESCO V. Flaminia 73, SUPERMERCATO DESPAR P.Za Igino Righetti 5.

Notizie correlate
di Andrea Turchini